Angolo legale: uno sguardo a una delle leggi più insolite della Thailandia

Il seguente legale l'articolo è presentato dai nostri partner Issan Lawyers.

Nella terra dei sorrisi, la Tailandia, dove il sole splende luminoso e le spiagge invitano, esiste una legge che ha fatto sollevare un sopracciglio a molti.

È la famigerata legge sulla biancheria intima, un regolamento che insiste nell'indossare indumenti intimi ogni volta che si esce dalla propria dimora. Ora, prima di liquidare tutto questo come un semplice sentito dire o come una leggenda metropolitana, approfondiamo questo peculiare atto legislativo con un mix di indagine seria e un pizzico di umorismo.

**La legge e le sue radici**

Nella sua essenza, la legge sulla biancheria intima non è tecnicamente sancita negli statuti tailandesi ma emerge piuttosto dal profondo dei costumi e delle aspettative sociali. È una regola non scritta che sussurra dalle risaie della Thailandia rurale alle strade trafficate di Bangkok: “Non ti avventurerai senza mutande”. La logica? Un mix di modestia, igiene e forse un pizzico di superstizione: dopo tutto, chi vuole rischiare di offendere gli spiriti con atti osceni?

**Applicazione: mito o realtà?**

Sebbene la legge possa sembrare uscita da uno sketch comico, non viene applicata attivamente dalla polizia tailandese. Non troverai agenti che effettuano controlli a campione per individuare gli skivvies o che istituiscono posti di controllo per la biancheria intima. Tuttavia, vale la pena notare che in alcune comunità conservatrici, andare in commando potrebbe farti guadagnare alcuni rimproveri di disapprovazione e forse una lezione di correttezza da parte degli anziani locali.

**Considerazioni culturali**

In Thailandia il rispetto della tradizione e delle norme sociali è fondamentale. Il mandato sulla biancheria intima riguarda meno l’applicazione della legge e più l’adesione alle aspettative della società. È simile a un tacito accordo tra i thailandesi di mantenere un certo livello di decoro negli spazi pubblici, un po' come non bere la zuppa a voce troppo alta durante una cena formale.

**Eccezioni monastiche**

Ora, che dire dei nostri venerati monaci buddisti? Sicuramente non sono soggetti a tali preoccupazioni mondane? In effetti, i monaci sono spesso visti come persone che vivono al di là delle trappole materiali della società, compresi, a quanto pare, gli indumenti intimi. Il loro abbigliamento religioso, concepito per semplicità e modestia, probabilmente li esenta da questa peculiare regolamentazione.

**Conclusione: indossare o non indossare?**

In conclusione, anche se è improbabile che tu venga multato per aver violato la legge sulla biancheria intima durante le tue avventure tailandesi, probabilmente è saggio peccare per eccesso di cautela e conforto.

Ed ecco qua: uno sguardo spensierato a una delle normative più discusse (ma meno applicate) della Thailandia.

Sottoscrivi
Adam Judd
Mr. Adam Judd è comproprietario di TPN Media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre nove anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Storie inviare un'e-mail a Editor@ThePattayanews.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/