Padre gallese affronta una realtà che gli cambia la vita dopo l'incidente in vacanza in Tailandia

Una vacanza di famiglia APPARENTEMENTE idilliaca in Thailandia si è trasformata in un incubo che gli ha cambiato la vita per Lee, un padre di 54 anni di Church Village, Rhondda Cynon Taf. Conosciuto per la sua dedizione come terapista occupazionale comunitario, la carriera di Lee si è concentrata sul consentire alle persone disabili di vivere in modo indipendente. Ironicamente, ora deve affrontare una sfida simile, dopo che un devastante incidente in moto lo ha lasciato paralizzato dalla vita in giù.

Il viaggio di Lee, inteso come un gioioso ricongiungimento con sua figlia Katie, che lui e sua moglie Clare Francis non vedevano da cinque mesi, si è concluso in tragedia il 19 gennaio 2024. L'incidente è avvenuto l'ultimo giorno del viaggio, mandando in frantumi la felicità della famiglia. e alterando irreversibilmente il corso della vita di Lee.

Le conseguenze dello schianto furono terribili. Lee ha riportato lesioni gravi e multiple, tra cui costole rotte, una colonna vertebrale fratturata in tre punti e significative contusioni polmonari. Le sue condizioni sono peggiorate rapidamente, portandolo a un periodo di terapia intensiva presso l'ospedale di Krabi, nel sud della Thailandia, dove ha combattuto contro pneumotorace, emotorace ed embolia polmonare. Queste complicazioni hanno gravemente ostacolato il suo trattamento e il suo recupero, rendendo necessaria una settimana di ventilazione, incapace di mangiare o parlare.

Nonostante fosse stato sottoposto con successo ad un intervento chirurgico di decompressione, la prognosi era infausta: Lee non avrebbe mai più camminato. Questa notizia è stata particolarmente devastante per qualcuno la cui vita era intrecciata con l’attività fisica e lo sport. Lee, ex giocatore di basket e allenatore della squadra femminile gallese under 18, considerava le sue passeggiate su Pen y Fan come una forma di terapia personale. Ora deve affrontare un futuro privo di queste passioni.

Il viaggio di ritorno in Galles è stato a dir poco straziante. Lee ha sopportato un volo in barella di 18 ore, a testimonianza della sua resilienza e del sostegno incrollabile della sua famiglia. Sua figlia Abigail, insieme ai fratellastri Dylan e Menna, ha affrontato le complessità della copertura assicurativa, assicurandosi che le spese mediche e di rimpatrio di Lee fossero coperte.

Al suo ritorno, Lee è stato ricoverato all'Ospedale Universitario del Galles a Cardiff, dove continua a riprendersi. Il ritorno sul suolo gallese, sebbene confortante, fu segnato dal dolore e dalla cruda realtà della sua condizione. Parlando dal suo letto d’ospedale, Lee ha espresso un misto di gratitudine per essere a casa e ansia per il futuro.

Nonostante il costo fisico ed emotivo, lo spirito indomabile di Lee traspare. Sta già pensando a come rimanere coinvolto nel basket, magari allenando il basket su sedia a rotelle, dimostrando la sua determinazione ad adattarsi e trovare nuovi modi per contribuire allo sport che ama.


L’incidente è servito anche come dura lezione di sicurezza e preparazione. Lee attribuisce la sua sopravvivenza all'uso del casco e alla scelta saggia di un'assicurazione di viaggio completa.

Ora sostiene queste precauzioni agli altri viaggiatori, sperando di prevenire tragedie simili.

Clare, la moglie di Lee, ha vissuto una fuga "fortunata" con ferite meno gravi, ma ora sta affrontando le conseguenze emotive e fisiche dell'incidente.

Il calvario della coppia evidenzia la rapidità con cui la vita può cambiare e l'importanza del sostegno e dell'amore nell'affrontare tali sfide.

Di fronte a cambiamenti significativi nella sua casa per adattarsi alla sua nuova realtà, Lee si confronta con la dura realtà dei finanziamenti e dell'accessibilità. Nonostante la sua esperienza professionale nell'aiutare gli altri ad affrontare queste sfide, si ritrova in un crudele scherzo del destino, lottando per garantire le modifiche necessarie alla propria casa. La sua famiglia ha creato una pagina GoFundMe per colmare questa lacuna, illustrando il sostegno della comunità e l'esperienza umana condivisa nel superare le avversità.

La storia di Lee è un toccante promemoria della fragilità della vita e della forza dello spirito umano. Mentre si prepara per una lunga degenza ospedaliera e per la riabilitazione, la sua attenzione ai progressi quotidiani e l’enorme sostegno da parte dei propri cari e degli sconosciuti offre un faro di speranza di fronte a sfide scoraggianti.

Il casco dopo l'incidente, a cui viene attribuito il merito di avergli salvato la vita.