La Thailandia potrebbe davvero introdurre un visto stile Schengen per parti del sud-est asiatico?

Negli ultimi giorni il primo ministro tailandese, Srettha Thavisin, ha chiarito che intende portare avanti i piani per un visto innovativo in stile Schengen (ma con alcune importanti differenze, continuate a leggere) per la Thailandia e alcune parti del sud-est asiatico.

Abbiamo coperto l'annuncio originale che puoi leggere qui nel nostro articolo precedente se non hai familiarità con la proposta e l'argomento prima di continuare con i nostri pensieri.

Questa proposta è anche per molti versi una proposta gemella del piano dell'Autorità per il Turismo della Thailandia di estendere i visti turistici di 90 giorni solo dalla Russia a molti altri paesi, come il Regno Unito e gli Stati Uniti, come abbiamo discusso qui in questo articolo.

Fa anche parte di una strategia globale del Primo Ministro Srettha e del governo abbastanza nuovo per rendere le cose il più facili possibile per il turismo e per rimuovere tutti i potenziali ostacoli al turismo, come la proposta per eliminare finalmente l'impopolare divieto di vendita di alcolici nel pomeriggio in Thailandia, come abbiamo discusso qui.

Anche la Tailandia ha recentemente siglato un accordo con la Cina consentire l’ingresso reciproco senza visto, sperando di ridurre eventuali ostacoli all'ingresso dei visitatori cinesi in Thailandia.

L’idea di un visto in stile Schengen non è nuova ed è stata discussa in precedenza, ma ci sono ovviamente molti potenziali ostacoli da superare per andare avanti con tale proposta. Srettha, tuttavia, ha mostrato la volontà di farlo. Recentemente ha avuto discussioni con le autorità laotiane su questo argomento e con il leader della Cambogia in visita questa settimana, Srettha ha dichiarato ai media che il programma di visti condivisi sarà uno dei principali argomenti di discussione, insieme all'inquinamento atmosferico.

La proposta, e vogliamo chiarire che si tratta solo di una proposta e non di una garanzia o di qualcosa di scolpito nella pietra, vedrebbe che i visitatori della Thailandia possano visitare anche Cambogia, Myanmar, Laos, Vietnam e Malesia con un visto e un timbro. A differenza di Schengen, il turista dovrebbe passare prima dalla Thailandia come una sorta di HUB, e non potrebbe ottenere lo stesso visto condiviso entrando inizialmente in uno degli altri Paesi. Ciò darebbe anche alla Thailandia la parte del leone nel lavoro per quanto riguarda i controlli di sicurezza dei visitatori, ma eviterebbe anche che le persone scelgano potenzialmente il paese con le restrizioni di ingresso più leggere per poi visitare gli altri, un problema comune con il visto Schengen.

Secondo quanto riferito, le prime discussioni sono state positive, ma c’è molto lavoro da fare e molte preoccupazioni (soprattutto riguardo alla potenziale inclusione del Myanmar, il cui governo guidato dalla giunta non è ufficialmente riconosciuto dalla maggior parte degli altri governi e che è essenzialmente impegnato in una guerra civile contro più fronti).

La risposta dei lettori di TPN Media sui nostri canali di social media è stata quasi universalmente positiva, anche se alcuni hanno sollevato la preoccupazione che il visto possa costare denaro e porre fine al libero ingresso in Thailandia. Questa, ovviamente, è solo una speculazione.

La Thailandia potrebbe davvero farlo e introdurre questo tipo di visto? Sì, e Srettha, avendo un background nel mondo degli affari e non nella politica, ne fa una priorità. Ma accadrà? Restano da vedere, ma continueremo a coprire questa emozionante storia qui su TPN media. Dicci cosa ne pensi scrivendoci a Editor@thepattayanews.com.

Adam Judd
Mr. Adam Judd è comproprietario di TPN Media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre nove anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Storie inviare un'e-mail a Editor@ThePattayanews.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/