Un sondaggio mostra che la maggior parte dei thailandesi pensa che la “mafia” abbia influenza su polizia e politici

Nazionale —

La maggior parte degli intervistati in un sondaggio d’opinione condotto dal National Institute of Development Administration, o Nida Poll, ritiene che alcuni agenti di polizia e politici tailandesi servano e proteggano segretamente figure influenti con un potere di tipo mafioso nel paese.

L'indagine, condotta sulla scia dell'a omicidio dell'ufficiale di polizia, presumibilmente collegato a una figura politica di spicco della provincia di Nakhon Pathom, ha chiesto a 1,310 persone in tutta la Thailandia di raccogliere le loro opinioni sui potenziali collegamenti tra individui con un'influenza significativa e funzionari statali nella società tailandese.

Lo studio si è svolto dal 12 al 14 settembre, con partecipanti di età compresa tra 18 anni e oltre di vari livelli di istruzione, occupazioni e redditi.

Secondo l'indagine, chiedendo agli intervistati se nella loro provincia siano presenti personaggi influenti o di stampo mafioso, è emerso che:

  • Il 49.54% ha dichiarato che non esistevano persone del genere nella propria zona.
  • Il 26.34% ha indicato i politici locali.
  • Il 15.95% ha menzionato i capi villaggio, i capi sottodistretto, gli assistenti capo villaggio.
  • Il 15.80% ha segnalato la polizia.
  • Il 13.21% ha indicato funzionari governativi a livello centrale, regionale e locale.
  • Il 12.14% ha citato uomini d'affari, imprenditori e investitori della zona grigia.
  • Il 5.04% si riferisce a politici di livello nazionale.
  • Il 4.81% ha riconosciuto membri di bande locali e delinquenti.
  • Il 2.44% ha specificato personale militare.
  • Lo 0.76% ha menzionato leader di comunità e membri di comitati.
  • Lo 0.38% comprendeva mass media e personaggi dell'industria dell'intrattenimento.
  • Il 5.95% non sapeva/non ha risposto/non era interessato.

Alla domanda se hanno il coraggio di sollevare preoccupazioni nei confronti di figure influenti, il sondaggio ha rilevato:

  • Il 60.30% ha dichiarato assolutamente no.
  • Il 16.34% ha affermato che preferirebbe non farlo.
  • Il 12.75% ha dichiarato di essere abbastanza in grado di farlo.
  • Il 9.08% ha detto che potrebbe essere.
  • Il 1.53% non sapeva/non ha risposto/non era interessato.

Alla domanda se hanno fiducia nella protezione e nell’equità fornite dagli agenti di polizia e dai funzionari statali quando si trovano ad affrontare problemi o conflitti con figure influenti, l’indagine ha mostrato:

  • Il 38.93% ha dichiarato di non essere affatto fiducioso.
  • Il 37.10% ha affermato di non essere molto fiducioso.
  • Il 13.51% si dichiara abbastanza fiducioso.
  • Il 9.92% si dice abbastanza fiducioso.
  • Il 0.54% non sapeva/non ha risposto/non era interessato.

Alla fine, quando è stato chiesto se credono che alcuni funzionari statali e agenti di polizia proteggano segretamente figure influenti, i risultati sono stati i seguenti:

  • Il 59.77% ha dichiarato di crederci fortemente.
  • Il 26.49% ha affermato di crederci un po'.
  • L'8.32% ha dichiarato di crederci in una certa misura.
  • Il 4.35% ha dichiarato di non crederci molto.
  • Il 1.07% non sapeva/non ha risposto/non era interessato.

-=-=-=-=-=-=-=–=-=-=-=-=-=-=-=

Hai bisogno di consulenza legale o di un avvocato? Possiamo aiutare. Clicca qui.

Per ulteriori informazioni sull'elenco di una proprietà con noi, fare clic qui.

Sottoscrivi
Mira a Tanakorn
Il traduttore di notizie locali presso The Pattaya News. Aim è un ventiquattrenne che attualmente vive a Bangkok. Interessato alla traduzione inglese, alla narrazione e all'imprenditorialità, crede che il duro lavoro sia una componente indispensabile di ogni successo in questo mondo.