AGGIORNAMENTO: L'unico sopravvissuto all'incendio di un minivan che ha bruciato 11 persone vive a Nakhon Ratchasima racconta la sua storia

FOTO: Thairath in linea

Provincia di Nakhon Ratchasima —

L'unico sopravvissuto che è riuscito a sfuggire all'inferno di un minivan che ha ucciso 11 persone, tra cui due bambini, è uscito per raccontare la sua orribile storia vera.

Prima la nostra storia precedente:

Undici persone, tra cui due bambini, sono morte bruciate dopo che il minivan su cui viaggiavano si è schiantato contro un canale di irrigazione sabato 21 gennaio.

Il sopravvissuto, il signor Thanachit Kingkaew, uno studente di 20 anni, è rimasto solo leggermente ferito dall'incidente.

Ha detto ai media thailandesi: "Stavo dormendo e poi mi sono svegliato perché ho sentito qualcuno urlare".

"Il furgone era già sottosopra e non ho visto cosa è successo".

Thanachit ha affermato che la situazione era catastrofica e ha visto un incendio provenire dal retro del furgone.

"Ho iniziato a prendere a calci i finestrini e mi sono fatto strada con gli artigli, e poco dopo il furgone è esploso 3-4 volte".

Ha detto che non poteva aiutare nessuno ed è rimasto scioccato dopo che gli è stato detto che era l'unico sopravvissuto.

A bordo del furgone c'erano 12 persone.

Thanachit ha dichiarato di ritenere che l'autista sia sopravvissuto perché lo ha visto uscire anche lui dal furgone, ma purtroppo è stato tra le 11 vittime.

La madre del sopravvissuto, la signora Sirichan Asavapoom, ha visitato suo figlio all'ospedale Sikhio di Nakhon Ratchasima ed è stata sollevata.

Ha detto che avrebbe ordinato suo figlio come monaco per offrire meriti a tutte le vittime che sono morte.
-=-=-=-=-=-=-=-=-===-=-=-=–=–=–=–==-

Non dimenticare di iscriverti alla nostra newsletter e ricevere tutte le nostre novità in un'unica e-mail giornaliera senza spam. Clicca qui! OPPURE, inserisci la tua e-mail qui sotto!

L'ultimo traduttore di notizie locali su The Pattaya News. Aim è un ventiduenne che attualmente vive e studia il suo ultimo anno di college a Bangkok. Interessato alla traduzione in inglese, alla narrazione e all'imprenditorialità, crede che il duro lavoro sia una componente indispensabile di ogni successo in questo mondo.