Funzionari delle accise thailandesi arrestati per presunto rapimento di un lavoratore di un negozio di telefoni per il riscatto

FOTO: Sanok

Provincia di Samut Prakan —

Mercoledì 18 gennaio, la polizia thailandese ha arrestato due funzionari delle accise e un altro sospettato per il presunto rapimento di un lavoratore di un negozio di telefoni gestito da cinesi a Samut Prakan. I sospettati avrebbero chiesto un riscatto di 300,000 baht in cambio della libertà del lavoratore.

Gli agenti di polizia della stazione di polizia di Samut Prakan hanno condotto un'indagine dopo che il proprietario di un negozio di telefonia, il signor Wu Yiwen, un cittadino cinese di 31 anni, è venuto a denunciare il caso ieri alle 3:30.

Il signor Yiwen ha detto alla polizia che 7-8 uomini, che sostenevano di essere ufficiali del dipartimento delle accise, si sono presentati al suo negozio situato a Soi U-Thong nel distretto di Mueang intorno a mezzogiorno. Gli uomini sono entrati nel negozio per guardarsi intorno, ma poi presumibilmente hanno costretto la sua dipendente, la signora Monthira Jaiprom, 21 anni, a salire sul loro veicolo e se ne sono andati.

Il proprietario del negozio cinese non era nel negozio in quel momento. Ha detto che era anche il fratello del lavoratore rapito.

I sospetti hanno portato la signora Monthira davanti all'ufficio delle accise provinciale di Samut Prakarn e hanno fermato il veicolo. Poi le avrebbero detto di chiamare suo fratello per pagare loro 300,000 baht in una "multa", sostenendo che suo fratello aveva venduto beni per evadere le tasse.

Il signor Yiwen ha detto alla polizia che non si fidava dei sospetti, quindi è venuto a denunciare l'incidente per chiedere aiuto.

pol. Il tenente colonnello Chatchaphong Khaosa-Saard, un ufficiale investigativo presso la stazione di polizia di Samut Prakan, ha detto alla vittima di attirare i sospetti per incontrarlo in una stazione di servizio vicino alla Royal Thai Naval Academy.

La polizia si è nascosta intorno alla stazione di servizio fino a quando la vittima non ha consegnato una busta di carta contenente 50,000 baht ai sospetti in attesa in un pick-up Toyota. Il riscatto era stato negoziato da 300,000 baht a 50,000 dal signor Yiwen prima dell'incontro.

La polizia è riuscita a catturare tre sospetti, due dei quali affermavano di essere funzionari delle accise e un civile. Hanno insistito sul fatto che il denaro fosse una multa, non un riscatto. Le autorità, tuttavia, non gli hanno creduto, quindi hanno portato i sospetti alla stazione di polizia per essere interrogati.

I due sospetti provenivano davvero dal dipartimento delle accise, ha detto la polizia. Le loro identità sono state riservate in attesa di un'indagine.

La polizia ha aggiunto che un gruppo di sospetti è fuggito dall'arresto ed era latitante.
-=-=-=-=-=-=-=-=-===-=-=-=–=–=–=–==-

Non dimenticare di iscriverti alla nostra newsletter e ricevere tutte le nostre novità in un'unica e-mail giornaliera senza spam. Clicca qui! OPPURE, inserisci la tua e-mail qui sotto!

L'ultimo traduttore di notizie locali su The Pattaya News. Aim è un ventiduenne che attualmente vive e studia il suo ultimo anno di college a Bangkok. Interessato alla traduzione in inglese, alla narrazione e all'imprenditorialità, crede che il duro lavoro sia una componente indispensabile di ogni successo in questo mondo.