Opinione: nessuno ha vinto dopo la recente debacle sulla prova del vaccino Covid-19 per l'ingresso in Thailandia

I social media, e i media in generale, in Thailandia sono stati dominati negli ultimi tre o quattro giorni da un argomento principale: la documentazione richiesta della prova di avere un vaccino Covid-19 per entrare in Thailandia.

Per essere più precisi, il problema principale è stato l'improvviso cambiamento per molti viaggiatori e poi le regole e le linee guida in costante cambiamento durante lo scorso fine settimana che hanno causato confusione e frustrazione diffuse da parte dei viaggiatori.

Alla fine, come visto qui, il requisito della documentazione è stato abbandonato, ma non prima di aver probabilmente causato la cancellazione completa dei viaggi da parte di molti viaggiatori e danni diffusi all'industria del turismo.

Il requisito è stato originariamente introdotto perché i funzionari del governo thailandese, guidati dal ministro della sanità pubblica Anutin Charnvirakul, volevano "non discriminare" nessun paese in termini di introduzione di restrizioni Covid. Questo era, per essere più precisi, non voler discriminare la Cina per evitare possibili questioni politiche.

La Cina, ovviamente, ha riaperto i suoi confini per la prima volta in tre anni questa settimana, permettendo al turismo e ai visitatori di fluire ancora una volta. Questa è una buona notizia per l'industria del turismo, poiché la Cina rappresentava circa il trenta percento dei visitatori complessivi in ​​Thailandia prima del covid, il più grande di qualsiasi paese.

Tuttavia, con questa riapertura sono emerse preoccupazioni per una possibile recrudescenza del Covid-19 a causa del fatto che la Cina sta attualmente soffrendo del suo primo grande focolaio diffuso dopo la revoca del Covid Zero. Molti paesi occidentali hanno emanato restrizioni specifiche contro i turisti cinesi come covida precauzione, cosa che ha fatto reagire con rabbia il governo cinese. La Thailandia voleva disperatamente evitare questo problema, pur calmando i cittadini nervosi su una possibile nuova ondata di Covid.

Alla fine, però, il tentativo di placare un paese con un preavviso molto breve ha finito per irritare e far arrabbiare quasi tutti gli altri a causa dell'improvvisa implementazione dei nuovi requisiti Covid per tutti con un preavviso di due giorni.

I minimizzatori online nei commenti sui social media hanno fatto affermazioni come "È solo un requisito a prova di vaccino" o "Basta sparare", ma questo non è riuscito a far fronte al fatto che l'annuncio è stato fatto solo con pochi giorni di preavviso e solo attraverso l'Autorità per l'aviazione civile della Thailandia , evitando gli avvisi ufficiali della Royal Gazette o dell'Autorità del turismo della Thailandia. Se un viaggiatore non avesse seguito da vicino i media thailandesi, cosa che la stragrande maggioranza non fa, non avrebbe avuto idea dei nuovi requisiti. In effetti, sono emerse segnalazioni di molti viaggiatori confusi rifiutati di imbarcarsi sui loro voli perché non avevano o sapevano di dover avere documentazione su Covid. Molti erano stati vaccinati ma non avevano con sé le prove.

Poiché il peso della prova dei requisiti è stato attribuito esclusivamente alle compagnie aeree all'ultimo minuto, con il cambiamento di norme e regolamenti, ciò non ha fatto che aumentare ulteriormente la confusione e la massiccia incoerenza con i viaggiatori che ne sono la vittima.

Alla fine, la Thailandia ha preso probabilmente la decisione giusta e ha revocato i requisiti di documentazione sui vaccini, ma nessuno ha vinto da questa debacle. Non la Thailandia, la cui immagine e reputazione da parte dei turisti è stata danneggiata dall'improvviso capovolgimento e capovolgimento. Non i turisti, molti dei quali sono rimasti con l'amaro in bocca per la situazione e molti che hanno visto i loro viaggi da sogno cancellati da soli o perché le compagnie aeree hanno rifiutato loro l'imbarco. Nemmeno la Cina, poiché l'intero evento ha gettato una nuvola oscura su quello che avrebbe dovuto essere positivo, il loro ritorno in Thailandia dopo tre lunghi anni.

Si trarrà qualche lezione da questa enorme confusione negli ultimi giorni? Resta da vedere, ma sulla base dei precedenti precedenti, è improbabile.

Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/