La proposta della Thailandia per la vaccinazione obbligatoria a prova di Covid-19 fa arrabbiare e fa prendere dal panico i viaggiatori internazionali

Bangkok, Tailandia-

Una proposta avanzata da più agenzie thailandesi di richiedere la prova di almeno due iniezioni di vaccino Covid-19 sulla scia del ritorno dei turisti cinesi la prossima settimana ha causato rabbia, frustrazione e panico tra molti aspiranti viaggiatori in Thailandia.

La proposta, che necessita ancora dell'approvazione finale del Gabinetto thailandese, e in cui non sono stati ancora rilasciati dettagli e informazioni specifiche, è disponibile QUI.

La proposta è stata guidata dal ministro della sanità pubblica thailandese e dal vice primo ministro Anutin Charnvirakul e includeva il contributo di più ministeri come turismo e sport, trasporti, ufficio del consiglio di assicurazione e altro ancora.

In sostanza, la proposta è a causa del ritorno dei turisti cinesi dopo tre anni a partire da domenica 8 gennaio, dopo che la Cina ha abbandonato la maggior parte delle sue misure Covid zero e si prepara a riaprire i suoi confini per viaggiare. La proposta include anche un'ulteriore polizza per richiedere la prova dell'assicurazione per qualsiasi viaggiatore proveniente da una nazione che richiede un test Covid-19 per tornare a casa, che includerebbe anche l'India che ha recentemente emanato questa regola per i viaggiatori provenienti dalla Thailandia e da diversi altri paesi.

La reazione alla proposta è stata, a dir poco, impopolare. Anutin ha continuamente affermato che la Thailandia non discriminerà e individuerà la Cina individualmente con restrizioni Covid come hanno fatto molti altri paesi come gli Stati Uniti e il Regno Unito, a causa della preoccupazione per il livello di Covid nel paese attualmente dopo un diffuso sfogo.

Invece, a causa di ciò che molti analisti e utenti dei social media ritengono sia principalmente politica, la Thailandia applicherà qualsiasi misura per scoraggiare Covid a tutti i visitatori contro solo la Cina. Questo ovviamente evita di offendere il governo cinese che ha già elogiato la Thailandia per il suo approccio mentre rimprovera i paesi, in particolare gli Stati Uniti, che hanno emanato restrizioni sui loro cittadini.

Rabbia, frustrazione e soprattutto confusione hanno seguito le proposte online e hanno portato a molte domande e inchieste sui social. Tuttavia, poiché le proposte richiedono l'approvazione del governo thailandese, semplicemente non c'è risposta alla pletora di domande poste in questo momento e non lo sarà fino a quando o se le proposte non riceveranno l'approvazione finale, forse già la prossima settimana.

Alcune delle domande più popolari inviate ai media TPN sono state domande come se le persone non vaccinate possono testare invece di avere la prova della vaccinazione, fino a che punto saranno accettate le iniezioni di vaccinazione effettuate, i tipi di iniezioni accettate, quando il programma inizierà e terminerà, quale livello di costo dell'assicurazione è necessario per coloro che lo richiedono, come si fornisce la prova della vaccinazione, ecc.

Senza mezzi termini, a nessuna di queste domande è possibile rispondere in questo momento fino a quando non verranno rilasciate ulteriori informazioni. Questo a sua volta ha ulteriormente frustrato molte persone che hanno prenotato alloggi costosi e viaggiano in Thailandia per viaggi nelle prossime settimane. Molti commenti online sembrano esprimere che alcuni aspiranti turisti abbiano già cancellato i loro viaggi dopo l'annuncio delle proposte.

Per ora, tutto ciò che chiunque può fare è sedersi e attendere ulteriori informazioni dal gabinetto thailandese e dal governo thailandese. Annunci e proposte con poca preparazione anticipata non sono affatto insoliti in Thailandia ed erano comuni durante il culmine della pandemia. Tuttavia, molte persone pensavano chiaramente che una volta che la Thailandia avesse revocato quasi tutte le restrizioni Covid e le prove documentali nel luglio dello scorso anno, non sarebbero più tornate.

Sfortunatamente, sembra che non sia ancora finita.

Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/