Il Ministero del Turismo e dello Sport thailandese implora la FIFA di abbassare il prezzo dei diritti della Coppa del Mondo, cerca di prendere in prestito dal fondo sportivo

FOTO: Reuters

Nazionale —

Il Ministero del Turismo e dello Sport thailandese sta lottando per ottenere il restante miliardo di baht per acquistare i diritti di trasmissione della Coppa del Mondo Fifa che prenderà il via in Qatar dal 20 novembre al 18 dicembre, ovvero a meno di una settimana da oggi (14 novembre ).

La National Broadcasting and Telecommunications Commission (NBTC) ha approvato solo 600 milioni di baht per il ministero per finanziare l'acquisto dei diritti di messa in onda per le partite della Coppa del Mondo, mentre la Fifa ha fissato il prezzo a 1.6 miliardi di baht.

Successivamente, ciò ha lasciato il ministero presieduto dal ministro Pipat Ratchakitprakarn con poche opzioni e, secondo recenti rapporti, l'Autorità per il turismo e lo sport della Thailandia (SAT) sta negoziando con la Fifa per abbassare il prezzo dei suoi diritti di trasmissione per la Coppa del Mondo 2022 partite.

La Fifa, nel frattempo, non ha ancora risposto ufficialmente alla richiesta, anche se ufficiosamente avrebbe rifiutato la richiesta.

Inoltre, una fonte ben informata del governo ha affermato che il ministro Pipat ha un'idea da proporre al Consiglio dei Ministri di prendere in prestito 600 milioni di baht dal Fondo per lo sviluppo sportivo per sostenere l'acquisto. Il fondo è autorizzato ad acquistare i diritti di trasmissione per gli eventi sportivi in ​​cui competono gli atleti thailandesi, secondo Pipat.

Tuttavia, secondo quanto riferito, il vice primo ministro generale Prawit Wongsuwan che sovrintende al Fondo per lo sviluppo sportivo non era d'accordo con l'idea, quindi non è ancora chiaro se il ministro Pipat solleverà ancora questa idea nella riunione del gabinetto del 15 novembre.

È stato anche riferito che tre società private hanno fornito 400 milioni di baht al Ministero del Turismo e dello Sport per acquistare i diritti di trasmissione, ma lascerebbero comunque il governo thailandese a corto.

Al momento della stampa, si stavano svolgendo incontri dietro le quinte tra tutte le parti interessate, con scadenza domenica 20 novembre, per assicurarsi i diritti. Se i diritti non saranno garantiti, la Thailandia perderà la coppa del mondo in televisione gratuita, l'unico paese del sud-est asiatico a farlo.

-=-=-=-=-=-=-=-=-===-=-=-=–=–=–=–==-

Non dimenticare di iscriverti alla nostra newsletter e ricevere tutte le nostre novità in un'unica e-mail giornaliera senza spam. Clicca qui! OPPURE, inserisci la tua e-mail qui sotto!

L'ultimo traduttore di notizie locali su The Pattaya News. Aim è un ventiduenne che attualmente vive e studia il suo ultimo anno di college a Bangkok. Interessato alla traduzione in inglese, alla narrazione e all'imprenditorialità, crede che il duro lavoro sia una componente indispensabile di ogni successo in questo mondo.