PR: 559 milioni di bambini attualmente esposti ad alta frequenza di ondate di caldo, che saliranno a tutti i 2.02 miliardi di bambini nel mondo entro il 2050

© UNICEF Cambogia/2019/Distretto di Fani Llaurado Bateay, provincia di Kompong Cham. Mara, 5 anni, si fa la doccia quotidiana dopo la scuola. Prima dell'installazione delle tubazioni dell'acqua a casa sua, l'acqua era troppo costosa per i bambini come Mara per fare la doccia tutti i giorni. Nel 2016, l'UNICEF, con il sostegno finanziario di Aeon e del Comitato giapponese per l'UNICEF, ha collaborato con il governo della Cambogia e la Cambodian Water Supply Association (CWA) per trovare una soluzione innovativa per portare acqua pulita, sicura e potabile alle famiglie di Peam Chor. Il modo in cui funziona è semplice. L'UNICEF e la CWA sostengono gli operatori privati ​​dell'approvvigionamento idrico di CWA per collegare l'acqua convogliata alle famiglie emarginate per il premio sovvenzionato di 20,000 Reils per connessione. Il resto dei costi è coperto dall'UNICEF e dal gestore dell'approvvigionamento idrico. Inoltre, l'UNICEF e la CSA aiutano gli operatori dell'approvvigionamento idrico ad espandere la loro portata in aree remote e supportano le comunità con fonti d'acqua aggiuntive nella stagione secca. Di conseguenza, 1,371 famiglie, comprese 298 famiglie povere e più povere di Peam Chor, hanno accesso a un approvvigionamento idrico sicuro.

L'UNICEF avverte che è necessaria un'azione urgente aumentare i fondi per l'adattamento per proteggere i bambini e le comunità vulnerabili dal peggioramento delle ondate di caldo e da altri shock climatici.

La Thailandia ha anche affrontato problemi con l'elevata frequenza delle ondate di caldo con un tasso allarmante di esposizione dei bambini a fattori di calore elevati nel 2020.

LONDRA/NEW YORK/BANGKOK, 25 ottobre 2022 – 559 milioni di bambini sono attualmente esposti a un'alta frequenza di ondate di calore*, secondo una nuova ricerca dell'UNICEF. Inoltre, 624 milioni di bambini sono esposti a una delle altre tre misure di calore elevato: durata dell'ondata di caldo elevata, gravità dell'ondata di caldo elevata o temperature estremamente elevate.

Durante un anno in cui le ondate di caldo nell'emisfero australe e settentrionale hanno battuto record, L'anno più freddo del resto della loro vita: proteggere i bambini dagli impatti crescenti delle ondate di caldo evidenzia il già ampio impatto delle ondate di caldo sui bambini e rivela che, anche a livelli più bassi di riscaldamento globale, in soli tre decenni, ondate di caldo più regolari sono inevitabili per i bambini di tutto il mondo.

Il rapporto stima che entro il 2050 tutti i 2.02 miliardi di bambini nel mondo saranno esposti a alta ondata di caldo frequenza, indipendentemente dal fatto che il mondo raggiunga uno "scenario di basse emissioni di gas serra" con una stima di 1.7 gradi di riscaldamento nel 2050 o uno "scenario di emissioni di gas serra molto elevate" con una stima di 2.4 gradi di riscaldamento nel 2050.

In Thailandia, il rapporto ha mostrato un tasso allarmante di esposizione dei bambini a fattori di calore elevati nel 2020, in cui la Thailandia ha dovuto affrontare problemi con l'elevata frequenza delle ondate di caldo. Oltre il 75 per cento dei bambini sotto i 18 anni o intorno 10.3 milioni, sono stati esposti. Se nessuna azione viene presa sul serio, quasi tutti i bambini sotto i 18 anni in Thailandia subiranno ondate di caldo elevate più spesso e più a lungo nel 2050.

Prodotti in collaborazione con The Data Collaborative for Children e lanciati in collaborazione con l'Ambasciatrice di buona volontà dell'UNICEF Vanessa Nakate e il Movimento Rise Up, con sede in Africa, questi risultati sottolineano l'urgente necessità di adattare i servizi su cui i bambini fanno affidamento mentre si manifestano gli impatti inevitabili del riscaldamento globale. Rappresenta anche un motivo per una continua mitigazione, per prevenire gli effetti peggiori delle altre misure di calore elevato, comprese ondate di calore più lunghe e più calde e temperature estreme più elevate.

"Il mercurio è in aumento, così come l'impatto sui bambini", ha affermato il direttore esecutivo dell'UNICEF Catherine Russell. “Già, 1 bambino su 3 vive in paesi che affrontano temperature estremamente elevate e quasi 1 bambino su 4 è esposto a un'alta frequenza di ondate di caldo e la situazione peggiorerà. Un numero maggiore di bambini sarà colpito da ondate di caldo più lunghe, più calde e più frequenti nei prossimi trent'anni, minacciando la loro salute e il loro benessere. Quanto devastanti questi cambiamenti dipenderanno dalle azioni che intraprendiamo ora. Come minimo, i governi devono limitare urgentemente il riscaldamento globale a 1.5 gradi Celsius e raddoppiare i finanziamenti per l'adattamento entro il 2025. Questo è l'unico modo per salvare la vita e il futuro dei bambini e il futuro del pianeta".

La Gwembe Valley è stata profondamente colpita dalla siccità. Gli effetti della siccità rimangono negativi con visibili scarsi raccolti, punti d'acqua prosciugati, insicurezza alimentare, malnutrizione e le sue conseguenze che incidono sulla salute di madri e bambini. L'UNICEF sta attualmente sostenendo la riabilitazione e la perforazione di 60 pozzi a Gwembe. Due donne camminano a casa attraverso un letto di fiume asciutto Gwembe Valley, Zambia 27 gennaio 2020 foto:Kschermbrucker/UNICEF

Le ondate di caldo sono particolarmente dannose per i bambini, poiché sono meno in grado di regolare la temperatura corporea rispetto agli adulti. Maggiore è il numero di ondate di calore a cui i bambini sono esposti, maggiore è la possibilità di problemi di salute tra cui condizioni respiratorie croniche, asma e malattie cardiovascolari. I neonati e i bambini piccoli sono a rischio più significativo di mortalità correlata al caldo. Le ondate di caldo possono anche influenzare l'ambiente dei bambini, la loro sicurezza, alimentazione e accesso all'acqua, la loro istruzione e il loro futuro sostentamento.

Il rapporto trovato alta ondata di caldo durata attualmente colpisce 538 milioni, ovvero il 23% dei bambini a livello globale. Ciò salirà a 1.6 miliardi di bambini nel 2050 a 1.7 gradi di riscaldamento e 1.9 miliardi di bambini a 2.4 gradi di riscaldamento, sottolineando l'importanza di misure urgenti e drammatiche di mitigazione delle emissioni e adattamento per contenere il riscaldamento globale e proteggere vite.

Milioni di bambini in più saranno esposti alta ondata di caldo gravità e temperature estremamente elevate a seconda del grado di riscaldamento globale raggiunto. I bambini nelle regioni settentrionali, in particolare in Europa, dovranno affrontare gli aumenti più drammatici dell'elevata gravità delle ondate di caldo e, entro il 2050, quasi la metà di tutti i bambini in Africa e in Asia dovrà affrontare un'esposizione prolungata a temperature estremamente elevate.

Attualmente, 23 paesi rientrano nella categoria più alta per l'esposizione dei bambini a temperature estremamente elevate. Ciò salirà a 33 paesi entro il 2050 nello scenario a basse emissioni e a 36 paesi nello scenario a emissioni molto elevate. Burkina Faso, Ciad, Mali, Niger, Sudan, Iraq, Arabia Saudita e India sono tra i paesi che dovrebbero rimanere nella categoria più alta in entrambi gli scenari.

"Gli shock climatici del 2022 hanno fornito un forte campanello d'allarme sul crescente pericolo che si sta abbattendo su di noi", ha affermato Vanessa Nakate, attivista per il clima e ambasciatrice di buona volontà dell'UNICEF. “Le ondate di calore sono un chiaro esempio. Per quanto sia stato caldo quest'anno in quasi ogni angolo del mondo, sarà probabilmente l'anno più freddo del resto della nostra vita. Il quadrante è stato alzato sul nostro pianeta e tuttavia i nostri leader mondiali non hanno iniziato a sudare. L'unica opzione è che continuiamo ad alzare il fuoco – su di loro – per correggere la rotta su cui siamo. I leader mondiali devono farlo alla COP27 per i bambini di tutto il mondo, ma soprattutto per i bambini più vulnerabili nei luoghi più colpiti. A meno che non agiscano, e presto questo rapporto chiarisce che le ondate di caldo diventeranno ancora più dure di quanto non siano già destinate a essere”.

L'UNICEF chiede ai governi di:

  • PROTEGGI i bambini dalla devastazione climatica adottando i servizi sociali. Ogni Paese deve adottare servizi sociali fondamentali – acqua, servizi igienico-sanitari (WASH), salute, istruzione, nutrizione, protezione sociale e protezione dell'infanzia – per proteggere i bambini e i giovani. Ad esempio, i sistemi alimentari devono essere rafforzati per resistere ai rischi e garantire un accesso continuo a diete sane. È necessario aumentare gli investimenti nella prevenzione, individuazione e trattamento precoci della malnutrizione grave nei bambini, nelle madri e nelle popolazioni vulnerabili. Alla COP27, i bambini e i loro diritti devono avere la priorità nelle decisioni sull'adattamento.
  • PREPARARE bambini a vivere in un mondo cambiato dal clima. Ogni paese deve fornire ai bambini e ai giovani educazione ai cambiamenti climatici, educazione alla riduzione del rischio di catastrofi, formazione sulle competenze ecologiche e opportunità per partecipare in modo significativo e influenzare il processo decisionale in materia di clima. I paesi imperdibili della COP27 rafforzano l'attenzione sull'educazione al clima e sull'empowerment dei bambini nel piano d'azione ACE, lo adottano e attuano gli impegni precedenti per sviluppare le capacità dei giovani.
  • PRIORITARE bambini e giovani nella finanza e nelle risorse per il clima. I paesi sviluppati devono rispettare il loro accordo COP26 per raddoppiare i finanziamenti per l'adattamento a 40 miliardi di dollari all'anno come minimo entro il 2025, come passo per fornire almeno 300 miliardi di dollari all'anno per l'adattamento entro il 2030. I finanziamenti per l'adattamento devono rappresentare la metà di tutti i finanziamenti per il clima. La COP27 deve sbloccare i progressi in materia di perdite e danni, ponendo la resilienza dei bambini e delle loro comunità al centro delle discussioni su azione e sostegno.
  • PREVENIRE una catastrofe climatica riducendo drasticamente le emissioni di gas serra e mantenendo in vita 1.5 gradi Celsius. Si prevede che le emissioni aumenteranno del 14% in questo decennio, mettendoci sulla strada di un riscaldamento globale catastrofico. Tutti i governi devono rivedere i loro piani e politiche climatiche nazionali per aumentare l'ambizione e l'azione. Devono ridurre le emissioni di almeno il 45% entro il 2030 per mantenere il riscaldamento a non più di 1.5 gradi Celsius.

#####

Quello che precede è un comunicato stampa pubblicato con piena autorizzazione e autorizzazione dalle organizzazioni elencate nel materiale PR e nei media TPN. Le dichiarazioni, i pensieri e le opinioni dell'organizzazione coinvolta nel comunicato stampa sono interamente propri e potrebbero non rappresentare necessariamente quelli dei media TPN e del suo personale.

Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/