Tre sospetti provenienti da Hong Kong e dalla Cina ricercati per traffico di esseri umani nella prostituzione, che ha portato al suicidio della donna del Kirghizistan a Pattaya venerdì

Pattaya, Chonburi –

Secondo quanto riferito, tre sospetti cinesi e di Hong Kong erano ricercati dalla polizia di Pattaya ingannare una donna del Kirghizistan per farla diventare una prostituta, provocando il suicidio della vittima su Friday.

A seguire la polizia indagine, i sospetti erano due donne cinesi e un uomo di Hong Kong. Secondo quanto riferito, il sospetto maschio è stato responsabile di aver prelevato la vittima all'aeroporto internazionale di Suvarnabhumi il 16 luglio prima di portarla a lavorare in un'azienda di call center nel Laos, ma non ha potuto farlo per ragioni sconosciute.

Pertanto, secondo quanto riferito, è stata costretta a prostituirsi dal gruppo scattando foto di ricatto e minacciandola che se non avesse potuto lavorare nell'intrattenimento per adulti, le foto sarebbero state inviate alla sua famiglia e ai suoi parenti.
Il 27 luglio, i sospetti cinesi avrebbero mandato la donna kirghisa a stare con altri cinesi in Thailandia e nell'area di Chonburi. Avrebbe lavorato lì per due mesi prima di riuscire a fuggire l'11 settembre e cercare aiuto dalla sua amica tedesca. Tuttavia, sopraffatta dalla disperazione per la situazione, ha deciso di suicidarsi venerdì 16.

I funzionari di Pattaya hanno quindi avviato un'indagine espansiva che ha portato all'identificazione dei principali sospetti e alla loro posizione a Banglamung. Un cittadino cinese, 45 anni, è stato trovato in una casa della zona di Pattaya che sosteneva di essere il proprietario della casa e il marito di uno dei sospetti. È stato portato in questura per ulteriori interrogatori. Il suo nome è stato nascosto poiché non era uno dei principali sospettati al momento della stampa.

A partire da sabato, sono stati emessi mandati di arresto contro diversi sospetti cinesi e di Hong Kong, in particolare Nin Wai Siu, 48 anni, di Hong Kong; Song Qianli, 32 anni, dalla Cina; e Rou li, 27 anni, dalla Cina.

Il primo sospetto, Rou li, è stato catturato lo stesso giorno in un condominio nell'area Rama 9 di Bangkok insieme a una serie di proprietà controverse, tra cui un passaporto, contanti, carte di credito e sette telefoni cellulari. È stata portata alla stazione di polizia di Pattaya per ulteriori procedimenti legali mentre è in corso la caccia ai due sospetti rimasti.

Se tu o qualcuno che conosci siete depressi o avete bisogno di qualcuno con cui parlare, suggeriamo qui i Samaritani della Thailandia.

-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=–=–=–=–==-

Hai bisogno di un'assicurazione Covid-19 per il tuo prossimo viaggio in Thailandia? Clicca qui.

Seguici su Facebook

Unisciti a noi on LINE per gli avvisi di rottura!

Scrittore di notizie nazionali presso The Pattaya News. Nata e cresciuta a Bangkok, Nop ama raccontare storie della sua città natale attraverso parole e immagini. La sua esperienza educativa negli Stati Uniti e la sua passione per il giornalismo hanno plasmato i suoi interessi genuini per la società, la politica, l'istruzione, la cultura e l'arte.