La Thailandia intensifica le restrizioni del COVID-19 a livello nazionale dal 9 gennaio 2022

Thailand-

Porre l'accento sul rafforzamento del sistema sanitario pubblico, garantendo allo stesso tempo standard rigorosi di salute e sicurezza; come SHA Plus e Thai Stop COVID 2 Plus.

Bangkok 9 gennaio 2022 - L'Autorità per il Turismo della Thailandia (TAT) vorrebbe fornire un aggiornamento sull'ultimo annuncio del governo reale thailandese che ha ridisegnato 69 province come aree controllate o zona arancione, mantenendo 8 province rimanenti più i distretti in 18 province come destinazioni turistiche pilota 'Blue Zone', a partire dal 9 gennaio 2022.

Pubblicato nella Gazzetta del governo reale tailandese l'8 gennaio 2022, l'annuncio ha anche ufficializzato la decisione del Centro per l'amministrazione della situazione COVID-19 (CCSA) di riaprire altre 3 destinazioni Sandbox - Krabi, Phang-Nga, e Surat Thani (solo Ko Samui, Ko Pha-ngan, e Ko Tao) dall'11 gennaio 2022 - oltre a Phuket. 

L'annuncio ha anche confermato che i viaggiatori che hanno richiesto/ottenuto il loro Thailand Pass QR code prima del 22 dicembre 2021, con date di arrivo previste in Thailandia dal 24 dicembre 2021, in poi, possono ancora entrare in Thailandia fino a quando non ci sono cambiamenti.

Attualmente, non c'è una data limite.

Inasprimento dei cordoli COVID-19 nelle destinazioni della 'Blue Zone'.

L'annuncio ha mantenuto le direttive annunciate nella Gazzetta Reale il 30 ottobre 2021, che hanno permesso a quasi tutte le imprese e le attività nelle province/distretti della Zona Blu di riprendere le operazioni "New Normal" in un ambiente senza COVID dal 1° novembre 2021.

Questi includono tutti i luoghi di shopping, minimarket, mercati, cinema e teatri, luoghi di sport, saloni di parrucchiere e barbieri, negozi di massaggi e spa, cliniche di bellezza ed estetica e negozi di tatuaggi. Riunioni, eventi e fiere possono anche essere tenuti normalmente senza limitazioni sul numero di partecipanti.

Anche i ristoranti e le trattorie nelle destinazioni della Zona Blu, compresa Bangkok, possono riprendere il normale orario di apertura. Tuttavia, dal 9 gennaio 2021, solo i ristoranti e i locali che hanno ricevuto la certificazione SHA Plus (Ministero del Turismo e dello Sport) o lo standard Thai Stop COVID 2 Plus (Ministero della Salute Pubblica) saranno autorizzati a servire ai clienti dine-in bevande alcoliche fino alle 21.00.

Tuttavia, tutti i tipi di luoghi di intrattenimento, compresi i pub, i bar e i negozi di karaoke a livello nazionale devono rimanere chiusi fino a nuovo avviso. (Nota del redattore: se sono in grado di "convertirsi" temporaneamente in un "ristorante" con le dovute certificazioni, l'approvazione provinciale e le regole di cui sopra, possono aprire).

8 Province "Blue Zone" + 18 Province con distretti 'Blue Zone

Regione centrale: Bangkok, e Ayutthaya (Solo il distretto di Mueang), Kanchanaburi, Nonthaburi, Pathum Thani, Phetchaburi (Solo il distretto di Cha-am), Prachuap Khiri Khan (Solo i distretti di Mueang, Hua Hin e Nong Kae), e Samut Prakan (Solo aeroporto Suvarnabhumi).

Regione orientale: Chanthaburi (solo per i distretti Mueang e Tha Mai), Chon BuriRayong (Ko Samet solo), e Trat (Solo i distretti di Ko Chang e Ko Kut).

Regione nord-orientale: Buri Ram (Solo il distretto di Mueang), Khon Kaen (Solo i distretti di Mueang, Khao Suan Kwang, Poei Noi, Phon, Phu Wiang, Wiang Kao e Ubolratana), Loei (Solo il distretto di Chiang Khan), Nakhon Ratchasima (Distretti di Mueang, Chaloem Phra Kiat, Chok Chai, Pak Chong, Phimai, Sikhio e Wang Nam Khiao), Nong Khai (Solo i distretti di Mueang, Sangkhom, Si Chiang Mai e Tha Bo), Surin (Solo i distretti di Mueang e Tha Tum), e Udon Thani (Solo i distretti di Mueang, Ban Dung, Kumphawapi, Na Yung, Prachaksilpakhom e Nong Han).

Regione del Nord: Chiang Mai (Solo i distretti di Mueang, Chom Thong, Doi Tao, Mae Rim e Mae Taeng), e Chiang Rai (Solo i distretti di Mueang, Chiang Khong, Chiang Saen, Mae Chan, Mae Fah Luang, Mae Sai, Phan, Thoeng, Wiang Kaen e Wiang Pa Pao).

Regione meridionale: Krabi, Phang-Nga, Phuket, Ranong (Ko Phayam solo), e Surat Thani (Solo Ko Samui, Ko Pha-ngan e Ko Tao).

Cordoli COVID-19 a gradini nelle zone controllate o nelle province della zona arancione

L'annuncio ha anche mantenuto le direttive annunciate nella Gazzetta Reale il 30 ottobre 2021, che hanno permesso a centri commerciali, mercati, minimarket e cinema di riprendere le operazioni "New Normal" in un ambiente senza COVID dal 1° novembre 2021.

I ristoranti e le trattorie nelle province della zona arancione possono riprendere il normale orario di apertura, ma non potranno servire bevande alcoliche ai clienti. Questa misura si applica a tutti i ristoranti e ristoranti, sia quelli indipendenti che quelli situati in centri commerciali, grandi magazzini, centri comunitari e luoghi simili.

I parchi di divertimento e i parchi acquatici all'interno di centri commerciali, grandi magazzini, centri comunitari e luoghi simili devono rimanere chiusi.

Riunioni ed eventi in hotel, centri commerciali, sale congressi e luoghi simili possono essere organizzati per meno di 1.000 partecipanti e sotto rigorose linee guida di prevenzione e controllo delle malattie.

Nel frattempo, le province della zona arancione possono organizzare attività più coinvolgenti, come tornei sportivi, fiere alimentari e simili per non più di 1.000 partecipanti.

Cliniche di bellezza ed estetica, saloni di parrucchiere e barbieri, negozi di tatuaggi, negozi di massaggi e spa, e negozi di massaggi tradizionali thailandesi possono aprire fino alle 24.00.

I parchi pubblici, i campi sportivi, le piscine all'aperto, le palestre all'aperto e al coperto e i centri fitness possono aprire normalmente. I tornei sportivi possono essere tenuti, ma il numero di partecipanti deve essere limitato a 50% della capacità per i luoghi al coperto e 75% per i luoghi all'aperto.

69 Aree controllate o province della zona arancione (ordine alfabetico regione per regione)

Regione centrale: Ang Thong, Ayutthaya, Chai Nat, Lop Buri, Nakhon Nayok, Nakhon Pathom, Phetchaburi*Prachuap Khiri Khan*, Ratchaburi, Samut Prakan*, Samut Sakhon, Samut Songkhram, Saraburi, Sing Buri e Suphan Buri.

Regione orientale: Chachoengsao, Chanthaburi, Prachin Buri, RayongTrat*, e Sa Kaeo.

Regione nord-orientale: Amnat Charoen, Bueng Kan, Buri Ram*, Chaiyaphum, Kalasin, Khon Kaen*, Loei*, Maha Sarakham, Mukdahan, Nakhon Phanom, Nakhon Ratchasima*Nong Khai*, Nong Bua Lam Phu, Roi Et, Sakhon Nakhon, Si Sa Ket, Surin*, Ubon Ratchathani, Udon Thani*, e Yasothon.

Regione del Nord: Chiang Mai*, Chiang Rai*, Kamphaeng Phet, Lampang, Lamphun, Mae Hong Son, Nakhon Sawan, Nan, Phayao, Phichit, Phitsanulok, Phetchabun, Phrae, Sukhothai, Tak, Uthai Thani e Uttaradit.

Regione meridionale: Chumphon, Nakhon Si Thammarat, Narathiwat, Pattani, Phatthalung, Ranong, Satun, Songkhla, Surat Thani*, Trang e Yala.

*Eccetto le aree designate come destinazioni turistiche pilota "Blue Zone".

Il precedente è un comunicato stampa pubblicato con il pieno permesso e l'autorizzazione dell'organizzazione (o delle organizzazioni) elencate nel materiale PR e di TPN media. Le dichiarazioni, i pensieri e le opinioni delle organizzazioni coinvolte nel comunicato stampa sono interamente di loro proprietà e non rappresentano necessariamente quelle di TPN media e del suo staff.