Ricapitolazione della riunione odierna del centro Covid-19 in Thailandia: Decreto di emergenza, zone con codice colore, stato dei luoghi di intrattenimento

Nazionale -

In evidenza:

  • Decreto di emergenza proposto per essere esteso fino alla fine di gennaio

  • Nuove zone di codifica dei colori implementate, Chonburi declassato da rosso ad arancione

  • I luoghi di intrattenimento riapriranno, come previsto, il 16 gennaio 2022, anche se c'è un potenziale per l'apertura anticipata ancora il CCSA ha dichiarato

  • Per quanto riguarda qualsiasi cambiamento sul divieto dell'alcol nei ristoranti di Chonburi/Pattaya, questo dovrà aspettare l'approvazione del governatore e del comitato per le malattie trasmissibili, se mai ci sarà. Non c'è alcuna garanzia che questo avvenga.

Il Center for Covid-19 Situation Administration (CCSA) oggi, 26 novembre, ha annunciato la rizonazione delle province a livello nazionale e diversi cambiamenti nelle misure preventive, tra cui la riconsiderazione dei luoghi di intrattenimento, la riapertura.

In primo luogo, il governo ha accettato di estendere il decreto di emergenza a livello nazionale per la 15esima volta per controllare la diffusione della malattia, da attuare dal 1° dicembre 2021 al 31 gennaio 2022. C'era stata una precedente discussione sulla sostituzione del decreto con leggi sulle malattie trasmissibili, tuttavia, questo non avrà luogo per ora perché avrebbe bisogno di un dibattito in Parlamento e alcuni politici erano preoccupati per alcune parti delle leggi proposte. Questo ha bisogno dell'approvazione finale del gabinetto thailandese, ma è quasi certo che accadrà, nota TPN media.

Il CCSA ha anche revocato la lista delle zone di massimo e stretto controllo o la zona rosso scuro, il che significa che le ore di coprifuoco notturno sono state ufficialmente cancellate a livello nazionale (entro il 1 dicembre), risultando in 23 province elencate nelle zone di stretto controllo (zona rossa), 23 province nella zona controllata (arancione), 24 province nelle zone di alta sorveglianza (giallo), e 7 province nella zona di turismo pilota (zona blu).

La zona blu è stata aumentata da 4 a 7 province, cioè Bangkok, Krabi, Kanchanaburi, Nonthaburi, Pathum Thani, Phang Nga, Phuket. Chonburi è elencato nella zona controllata (zona arancione). La ricategorizzazione sarà attuata il 1° dicembre. TPN media nota che 19 aree in totale sono zone turistiche, secondo il grafico, che include città e distretti nelle province che non sono interamente "blu". Questa lista non è stata data, tuttavia, e non era chiaro se i singoli distretti o città che sono blu (come Pattaya) saranno in grado di revocare i divieti di alcol nei ristoranti o altre misure di rilassamento. Ulteriori informazioni saranno probabilmente date dal governatore, se qualcosa cambia, prima del 1° dicembre. Alle zone blu vengono date ulteriori misure di rilassamento, permessi per i turisti di entrare come "sandbox" se non fanno test and go e permessi per attività più rilassate per aumentare il turismo, anche se ciò che queste rilassamenti sono diversi per provincia e zona e hanno bisogno dell'approvazione del governatore.

Chonburi, nota TPN media, è ora una zona arancione nel complesso, declassata dal rosso.

Per quanto riguarda la possibilità di riapertura dei locali di intrattenimento, come bar, discoteche e luoghi di divertimento, in seguito alla richiesta degli imprenditori e dei lavoratori, l'assemblea generale del CCSA ha deciso che lavorerà in linea con gli operatori per garantire che la riapertura possa avvenire al più presto.

Questo significa che l'apertura a livello nazionale può, in teoria, essere fatta prima del 16 gennaio come precedentemente annunciato dal CCSA nell'ultima riunione se la situazione si sta risolvendo e gli operatori sono disposti a rispettare le severe norme preventive. Tuttavia, per la maggior parte, il governo si attiene alla data del 16 gennaio 2021 come data "ufficiale" di riapertura dei locali d'intrattenimento, il che significa che per ora lo status quo rimane.

A partire da questo dicembre, i proprietari dei locali di intrattenimento sono tenuti a preparare una sorveglianza ufficiale per ispezionare il loro permesso legale, l'ubicazione, le disposizioni e la prontezza per una possibile riapertura al più presto. Ulteriori informazioni su questo, secondo quanto riferito, sono in arrivo dalla CCSA, ma i locali dovranno essere zone "Covid-free" e garantire che tutto il personale sia completamente vaccinato contro il Covid-19. Alcune altre regole che saranno effettive sono, secondo quanto riferito, niente karaoke, niente piste da ballo, niente promozioni/partite, niente bevande condivise, e nessuna interazione ravvicinata del personale con i clienti.

In breve, in questo momento, solo i ristoranti nelle zone di alta sorveglianza e di turismo pilota sono autorizzati a vendere e bere bevande alcoliche fino alle 21:00, secondo la CCSA. Le imprese non possono essere aperte più tardi di mezzanotte e devono seguire rigorosamente le misure di Covid Free Setting. Questo ha anche bisogno dell'approvazione del governatore e del comitato provinciale per le malattie trasmissibili, nota TPN media, che al momento della stampa non è stata data.