Analisi: Tutti i dettagli attualmente noti sulla riapertura di Pattaya e altre parti della Thailandia ai turisti stranieri vaccinati senza quarantena dal 1° novembre

 

  Questa settimana, abbiamo deciso di scrivere un editoriale/analisi un po' diverso basato su letteralmente decine di e-mail e messaggi al nostro team solo negli ultimi giorni.

La domanda nella mente di tutti è abbastanza semplice... vogliono dettagli, fissati nella pietra, firmati, sigillati e consegnati, timbrati, ecc. per dare perfetta chiarezza alla proposta di riaprire Pattaya e altre parti del paese ai turisti stranieri vaccinati senza quarantena dal 1° novembre.

Prima, Ecco l'annuncio del primo ministro che ha iniziato questa raffica di e-mail, messaggi e anche telefonate al nostro team.

In secondo luogo, messaggi continui su eventi di "riapertura" a Pattaya come i festival di musica e i festival di fuochi d'artificio hanno fatto sì che ancora più persone ci mandino messaggi, molti dei quali vogliono essere qui per questi eventi. (Vale la pena notare che questi eventi sono davvero progettati per i turisti nazionali che saranno la stragrande maggioranza del pubblico).

Abbiamo capito. Lo facciamo davvero. Molte persone non vedono l'ora di tornare in Thailandia, specialmente per una vacanza regolare. Molti imprenditori, specialmente qui a Pattaya, non vorrebbe altro che riaccogliere i veri turisti senza quarantena e tonnellate di scartoffie, qui per una vacanza. Sarebbe la prima volta in circa 21 mesi circa, se avesse luogo.

Tuttavia, quello che stiamo per dirvi non è probabilmente quello che la maggior parte di voi vuole sentire. Siete pronti? Questo è il motivo per cui le informazioni "ufficiali" sono state così difficili da trovare e le varie fonti dei media sono piene di informazioni contrastanti, proposte, speculazioni e opinioni. Ok, ci siamo: Ecco quello che si sa, di fatto, legalmente, timbrato e sigillato, e ufficialmente sul piano di riapertura da novembre:

.

.

.

.

.

Capito? Aspetta, dici che c'era uno spazio vuoto? Sì, spieghiamo perché.

A questo punto, c'è ancora un'accesa discussione interna tra vari dipartimenti e organizzazioni contrastanti a livello nazionale su come fare questo in modo sicuro. Ovviamente, il settore medico è in forte disaccordo con il settore commerciale. Se il settore medico avesse avuto la loro strada, saremmo probabilmente in attesa della 80% completamente vaccinata a livello nazionale e molti altri mesi di cauta attesa e passi da bambino. Se il settore commerciale avesse avuto la sua strada, avremmo aperto domani senza regole. Di conseguenza, le due parti con opinioni polarmente opposte dovranno trovare un compromesso e trovare la migliore soluzione attuale.

Questo è il motivo per cui ci sono così tante opinioni e speculazioni diverse (e si tratta di speculazioni, anche se molte di esse sono proposte istruite e reali che vengono discusse) là fuori. Da un test per Covid a test multipli, al free roam al soggiorno in quindici zone, al soggiorno in un hotel SHA+, alle zone blu, può essere incredibilmente confuso. Lo capiamo.

Il primo ministro non ha mai "promesso" che il paese avrebbe riaperto il 1° novembre. Ha dichiarato che stava chiedendo al Centro per l'amministrazione della situazione di Covid-19 (CCSA) e al Ministero della salute pubblica di considerare esso. Ecco la sua dichiarazione esatta:

Ho quindi incaricato la CCSA e il Ministero della Salute Pubblica di considerare urgentemente entro questa settimana di permettere, a partire dal 1° novembre, ai visitatori internazionali di entrare in Thailandia senza alcun requisito di quarantena se sono completamente vaccinati e arrivano in aereo da paesi a basso rischio.

In realtà, è quasi certo che una sorta di piano avrà luogo. Le cose saranno molto meglio di come sono attualmente. E come sempre, probabilmente inizierà con regole molto rigide che si "allenteranno" col tempo. E si allenteranno. Certamente capiamo che il processo è stato troppo lento per molti.  Consigliamo ai lettori di NON PRENOTARE VOLI O ALBERGHI che non possono essere cancellati e completamente rimborsati fino a quando tutti i dettagli sono definitivi. Se prenotate, fatelo per un programma esistente come il Phuket Sandbox o una quarantena di 7 giorni e siate piacevolmente sorpresi se le cose si calmano prima di allora.

Non appena verrà rilasciata un'informazione ufficiale, solida, nella Royal Gazette e timbrata, saremo i primi a dirvelo. Di tanto in tanto informiamo sulle proposte per tenere la gente al corrente, ma ricordiamo costantemente ai nostri lettori che sono solo proposte e possono o non possono avere luogo.

A questo punto, non c'è una lista definitiva "a basso rischio" di paesi autorizzati a entrare in Thailandia senza quarantena. La CCSA sta discutendo questa lista e "probabilmente" sarà molto più di dieci, secondo loro. Lo sapremo probabilmente verso la fine di questa settimana. Non c'è una lista definitiva in questo momento, quindi le chiamate alle ambasciate (come alcuni ci hanno detto di aver fatto) non saranno in grado di aiutarvi.

Non ci sono risposte chiare sui bambini e sui processi con loro.

Non c'è nessuna garanzia che i bar, la vita notturna, i quartieri a luci rosse, i pub, ecc. apriranno il 1° dicembre, inoltre è considerato solo "entro" il 1° dicembre.

Non ci sono garanzie sui requisiti assicurativi, ma è quasi certo che rimarrà, anche se forse la copertura massima sarà abbassata. Di nuovo, una proposta.

Non c'è ancora chiarezza se ci saranno le cosiddette zone blu, le province limitate o altri elementi. Questo ha confuso molte persone con alcuni media che parlano di quindici province consentite, alcuni che parlano di zone blu e altri che parlano di free roam. La confusione è semplicemente perché tutte queste sono proposte e nulla, sì nulla, è ancora finalizzato.

Non c'è chiarezza sui cosiddetti "swab hubs" o se si dovrà passare una notte in un hotel approvato in attesa dei risultati del Covid-19. Di nuovo, una proposta.

Detto questo, sì, alcune di queste idee sono state seriamente prese in considerazione, sono state proposte e potrebbero accadere. Ma niente è ancora finalizzato o ufficiale. (Beh, in termini di questi argomenti. Il Pattaya Music Festival è stato ufficializzato questo fine settimana, ma di nuovo, è destinato ai turisti nazionali, non a quelli stranieri. Inoltre, avrà regole severe che sono ancora in fase di definizione).

Il modo più semplice per pensare alla riapertura è che il 1° novembre sarà una data "a partire da" per i cambiamenti di politica, che saranno modificati e aggiustati man mano che le cose vanno avanti. Non è una "grande riapertura dei cancelli" come alcune persone sembrano pensare. È un enorme passo avanti, non fraintendeteci. Di nuovo, sono quasi due anni che i turisti stranieri vaccinati sono stati seriamente considerati per entrare nella zona di Pattaya senza quarantena e una tonnellata di scartoffie. Questo è MASSIMO. È un enorme passo avanti. Non piacerà a tutti con le proposte e i suggerimenti di piano, ma le cose, come sempre, si attenueranno con il tempo.

Per quanto riguarda il cosiddetto Thailand Pass e come sarà diverso dal Certificato di Ingresso, anche questo è un lavoro in corso e probabilmente non sarà pronto per il 1° novembre. Sarà semplificato e sarà un miglioramento, soprattutto sul retro, per entrare nel paese. Tuttavia, probabilmente non sarà così semplice come molti turisti e visitatori vogliono, almeno non all'inizio. Di nuovo, è un passo avanti.

Per ora, fate un respiro profondo, non lasciate che tutte le diverse ipotesi di riapertura vi stressino, e aspettate informazioni ufficiali PRIMA di prenotare voli o hotel, e speriamo di vedervi tutti presto in Thailandia e a Pattaya.

È stata una lunga attesa per molti. Qui a TPN media crediamo veramente che ci sia una luce alla fine del tunnel per il ritorno del turismo, ma ci possono essere ancora alcuni ostacoli in quel tunnel. Siamo molto più avanti rispetto a diversi mesi fa e le cose continueranno a migliorare, solo un po' più lentamente di quanto molti desiderino.

Avviso su Facebook per l'UE! Devi effettuare il login per visualizzare e pubblicare i commenti su FB!