Trenta presunti giocatori d'azzardo arrestati in un raid nella zona di Pattaya, secondo la polizia di Chonburi

Pattaya, Banglamung, Chonburi, Thailandia-

La polizia di Chonburi ha arrestato ieri trenta presunti giocatori d'azzardo in quella che hanno descritto come una bisca clandestina in un resort a Banglamung.

Se preferisci la versione video di questa storia, clicca qui.

La polizia provinciale di Chonburi ha fatto irruzione nella presunta bisca di un resort di lusso nel sottodistretto di Takean Tia ieri (14 ottobre).th). Ci sono volute più di cinque ore, dalle 15:00 alle 20:30, secondo i rapporti di coloro che erano sulla scena, per condurre un'indagine e arrestare i responsabili.

I trenta presunti giocatori sono stati portati alla stazione di polizia di Banglamung per affrontare molteplici accuse relative all'incidente, comprese le violazioni del decreto di emergenza che vieta i grandi raduni che potrebbero potenzialmente diffondere il coronavirus Covid-19. La polizia di Chonburi e Banglamung ha dichiarato alla stampa thailandese associata di aver sequestrato diversi oggetti usati per il gioco d'azzardo, carte da gioco e contanti, anche se non hanno dichiarato ai media l'esatta quantità di denaro sequestrato.

I nomi degli arrestati non sono stati rilasciati immediatamente e la polizia provinciale di Chonburi ha dichiarato che era in corso un'indagine sulla casa da gioco, che è strettamente illegale. La Thailandia ha alcune delle leggi contro il gioco d'azzardo più severe del mondo, nota TPN media. Inoltre, il gioco d'azzardo è stato ampiamente incolpato, soprattutto all'inizio di quest'anno a gennaio, per essere almeno parzialmente responsabile della diffusione del Covid-19 nelle province orientali, secondo il governo thailandese.

Al momento della stampa, le trenta persone arrestate dovevano andare davanti a un giudice per varie accuse relative al gioco d'azzardo illegale e alle violazioni degli ordini relativi a Covid-19.

=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=–=–=–=–==-

Unisciti alla discussione nel nostro gruppo di Facebook https://www.facebook.com/groups/438849630140035/o nei commenti che seguono.