PR: MISURE DI ADATTAMENTO AL CAMBIAMENTO CLIMATICO A BENEFICIO DELLE COMUNITÀ COSTIERE IN ASIA ORIENTALE, ARAFURA E TIMOR

Quello che segue è un comunicato stampa. Le loro dichiarazioni sono interamente loro.

I paesi della regione dei mari dell'Asia orientale (EAS) e i paesi vicini del Pacifico sono altamente vulnerabili all'aumento del livello del mare a causa delle loro comunità a bassa quota e delle città costiere densamente popolate. Inoltre, la regione ha anche la più alta proporzione al mondo di spostamenti per disastri legati al clima. Una recente valutazione della vulnerabilità al cambiamento climatico per la regione dei mari di Arafura e Timor (ATS) ha anche identificato gli hotspot (o habitat marini altamente vulnerabili) e le specie nella regione. 

 In risposta, diverse iniziative di adattamento al cambiamento climatico (CCA) sono emerse nelle regioni EAS e ATS. Queste includono l'implementazione di una gestione costiera integrata (ICM) sensibile al clima e l'applicazione di un documento pratico di orientamento decisionale CCA per i responsabili politici e altre parti interessate. Le lezioni apprese e le buone pratiche generate da questi sforzi saranno condivise tra la rete EAS e ATS attraverso una collaborazione virtuale al Congresso EAS pre-2021 che discuterà le migliori pratiche e permetterà la loro replica in altri siti.  

Titolato "Adattamento al cambiamento climatico per le comunità costiere: Imparare dall'Asia orientale e dalle regioni dei mari Arafura e Timor". il webinar si terrà il 25 ottobre 2021, dalle 9:00 alle 11:30 (GMT+8) ed è organizzato dal progetto GEF/UNDP/PEMSEA Arafura and Timor Seas Ecosystem Action Phase II (ATSEA-2). I co-organizzatori sono la Partnerships in Environmental Management for the Seas of East Asia Resource Facility (PRF) e l'Institute for Global Environmental Strategies (IGES) del Giappone.  

L'evento mira a: (1) aumentare la consapevolezza e avere una migliore comprensione degli impatti dei cambiamenti climatici sulle comunità costiere nelle regioni EAS e ATS; (2) condividere i risultati della valutazione della vulnerabilità ai cambiamenti climatici e introdurre una guida decisionale sviluppata per la regione ATS; (3) mostrare le migliori pratiche e condividere le lezioni apprese dalle regioni EAS e ATS nello sviluppo e/o attuazione di strategie locali di adattamento ai cambiamenti climatici; e (4) contribuire ad arricchire le discussioni e le sinergie verso gli sforzi di CCA a sostegno della strategia di sviluppo sostenibile della regione EAS per i mari dell'Asia orientale (SDS-SEA), il programma di azione strategica (SAP) della regione ATS, così come i più grandi obiettivi della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC).  

Tra gli oratori principali in primo piano ci sono: 

  • Dr. Brian JohnsonDirettore aggiunto, IGES
  • Dr. Johanna Johnson, Direttore, C20 Consulting
  • Sig.ra Cristine Ingrid Narcise, Specialista in politica e gestione basata sui risultati, ATSEA-2
  • Signora Nisakorn WiwekwinCoordinatore del programma ICM, Ufficio comunale di Saensuk, Chonburi, Thailandia
  • Signor Ikbal Alexander, Direttore, Centro di riciclaggio Kertabumi

 

I partecipanti includeranno scienziati e professionisti del cambiamento climatico, decisori locali e membri della comunità costiera delle regioni EAS e ATS. L'evento è anche aperto al pubblico e non ha alcun costo. 

 

Gli interessati sono invitati a registrarsi all'evento attraverso questo link da 21 ottobre 2021 (11:59 PM, GMT+8) per ricevere i dettagli di Zoom. Per aggiornamenti regolari su altri eventi del Congresso EAS, visitate gentilmente https://eascongress2021.pemsea.org

 

SU ATSEA-2

Avviato nel 2019, ATSEA-2 è la seconda fase del programma Arafura and Timor Seas Ecosystem Action (ATSEA), un partenariato regionale che coinvolge i governi di Indonesia, Timor-Leste e Papua Nuova Guinea, con il sostegno del governo australiano. Il gruppo lavora per ideare e implementare soluzioni ai più importanti problemi marini transfrontalieri della regione ATS.

 

SU IGES 

L'Istituto per le Strategie Ambientali Globali (IGES) è stato fondato nel marzo 1998 su iniziativa del governo giapponese e con il sostegno della Prefettura di Kanagawa (Giappone) sulla base della "Carta per l'istituzione dell'Istituto per le Strategie Ambientali Globali". Lo scopo dell'Istituto è quello di raggiungere un nuovo paradigma di civiltà e di condurre uno sviluppo politico innovativo e una ricerca strategica per misure ambientali e sviluppo sostenibile in generale nella regione Asia-Pacifico e a livello globale, riflettendo i risultati della ricerca nelle decisioni politiche.