Manifestanti pro-democrazia tengono un raduno di auto a Pattaya per protestare contro la visita del primo ministro a Chonburi

FOTO: MGR Online

Pattaya -

Un gruppo di manifestanti di Pattaya ha tenuto quella che hanno chiamato una manifestazione "Car Mob" da Pattaya a Laem Chabang per "accogliere" e protestare contro il primo ministro thailandese, Prayut Chan O'Cha, che ha visitato Chonburi oggi (17 settembre).

Il Pattaya News nota che si sono descritti come un gruppo di auto e hanno usato i tag dei social media per descriversi come tali.

La protesta è iniziata al centro commerciale Big C a South Pattaya ed è stata guidata dal leader Wanchalerm Kunsane. Questo gruppo ha tenuto diverse proteste negli ultimi mesi, principalmente per protestare contro le politiche e i piani del governo sulla Covid-19, compreso il lancio del vaccino, l'assegnazione, le restrizioni e i regolamenti che hanno visto molte imprese chiudere per mesi, mettendo migliaia di persone senza lavoro. Le loro proteste hanno preso di mira soprattutto il primo ministro, chiedendogli di dimettersi per quella che chiamano la sua cattiva gestione della pandemia.

I manifestanti nei loro veicoli si sono radunati suonando il clacson e mostrando cartelli, striscioni e nastri per far sapere al primo ministro thailandese che sono delusi dalla sua performance.

La polizia e gli ufficiali del distretto hanno ispezionato la zona per assicurarsi che non ci fosse violenza. La polizia ha anche informato il gruppo che i raduni e le assemblee, comprese le proteste, erano contro la legge thailandese attualmente per "prevenire la diffusione di Covid-19". Tuttavia, il gruppo di protesta non si è disperso nonostante gli avvertimenti delle forze dell'ordine. La polizia, tuttavia, ha adottato un "approccio morbido" e non ha tentato di interrompere con forza l'assemblea.

I manifestanti avevano intenzione di dirigersi a Laem Chabang a Si Racha dove il primo ministro ha ispezionato un progetto "Factory Sandbox". Il Factory Sandbox permette alle fabbriche di continuare a rimanere aperte e a lavorare mentre conducono test regolari per il Covid-19, ospitando tutto il personale nel complesso e mettendo in quarantena i casi positivi sul posto in speciali ospedali da campo. Secondo il primo ministro, le "Factory Sandbox" sono essenziali per mantenere l'attività di esportazione thailandese con successo nonostante la situazione del Covid-19 in Thailandia.

I manifestanti, nonostante i loro sforzi, non sono stati in grado di avvicinarsi direttamente alle fabbriche dove il primo ministro era in visita a causa di molti posti di blocco della polizia. Non c'è stata, tuttavia, alcuna violenza e i manifestanti sono rimasti pacifici mentre esprimevano le loro opinioni. I manifestanti hanno promesso altre manifestazioni e assemblee nelle prossime settimane.

FOTO: MGR Online

=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=–=–=–=–==-

Non dimenticate di iscrivervi alla nostra newsletter e riceverete tutte le nostre notizie in un'unica e-mail giornaliera senza spam Clicca qui! OPPURE, inserisci la tua e-mail qui sotto!

[newsletter]