Due gruppi pro-democrazia si riuniscono di nuovo nei principali flashpoint di Bangkok oggi, nonostante l'accesa repressione di ieri

FOTO: iLaw

Bangkok -

I rappresentanti di due gruppi pro-democrazia, "Thalu Fah" e il Fronte Unito di Thammasat e Manifestazione, sono programmati per osservare una protesta costante all'incrocio Sam Liam Din Deang a Bangkok dalle 17:00 di oggi, 12 settembre, in seguito alle preoccupazioni per un duro confronto tra un terzo gruppo, i manifestanti pro-democrazia "Thalu Gas", e la polizia che controlla la folla ieri.

Per quanto riguarda la protesta di ieri, durata ore, almeno 77 manifestanti - tra cui 9 adolescenti sotto i 18 anni, sono stati arrestati durante il violento scontro di ieri sera, secondo il Avvocati thailandesi per i diritti umani (TLHR)

Image
FOTO: iLaw

 

La repressione di ieri è diventata un argomento controverso poiché i social media thailandesi hanno aspramente criticato e messo in dubbio quello che hanno chiamato l'abuso di potere della polizia verso i manifestanti, i media e i civili in molti aspetti.

Nonostante le tattiche simili usate sia dai manifestanti che dai funzionari nelle ultime settimane di proteste, la polizia, questa volta, sembra abbia costretto i media a lasciare l'area della protesta a partire dalle 20:20 a causa dell'avvicinarsi del coprifuoco. (Bangkok, così come altre 28 province, è attualmente sotto coprifuoco dalle 21:00 alle 4:00 del mattino per motivi legati a Covid-19, secondo il governo, sostenendo che non ha nulla a che fare con le proteste). Secondo la polizia, hanno detto ai giornalisti che potevano essere arrestati se avessero violato il coprifuoco. Le forze dell'ordine hanno continuato a usare la forza, compresi proiettili di gomma e gas lacrimogeni, per disperdere i manifestanti.

I netizen online sembravano considerare in modo schiacciante questo come un uso eccessivo della forza da parte della polizia, che non solo ha limitato il diritto del pubblico di accedere alla situazione attuale e ha causato ferite nei confronti dei manifestanti, ma ha anche crudelmente disturbato gli innocenti e i residenti che vivono nelle vicinanze. La dispersione è durata più di 8 ore e si è conclusa intorno alle 2:00 del mattino.

FOTO: Matichon

A partire da oggi, i manifestanti di "Thalu Gas" hanno iniziato a riunirsi intorno alle 17:17 e, secondo quanto riferito, hanno iniziato a sparare petardi sotto la superstrada Din Deang.

Nel frattempo, un'altra protesta, organizzata da un gruppo pro-democrazia chiamato "Mok Luang Rim Nam", è andata in scena all'incrocio Ratchaprasong dalle 18.30 in poi. Un camion di cannoni ad acqua sarebbe stato visto schierato presso il quartier generale della polizia reale thailandese. Secondo quanto riferito, le forze dell'ordine stavano avanzando in entrambi i siti.

Entrambi gli organizzatori della protesta hanno esortato il pubblico a monitorare da vicino la situazione, specialmente come la polizia antisommossa avrebbe usato la sua forza contro le persone, poiché hanno affermato che i funzionari potrebbero usare illegalmente il potere per attaccare i manifestanti e i civili.

Le forze dell'ordine thailandesi, nel frattempo, hanno sostenuto che le proteste sono illegali a causa del decreto di emergenza per controllare Covid-19 e che tutte le assemblee e i raduni sono attualmente contro la legge, sostenendo che la dispersione delle proteste non è politica ma sanitaria. I manifestanti non sono d'accordo, affermando che sono stati presi di mira e che non gli è stato permesso di esprimere le loro opinioni e la loro voce.