Il tribunale civile thailandese sospende temporaneamente l'ordine del Primo Ministro di vietare la libertà di parola dei media

FOTO: Naewna

Bangkok –

Il tribunale civile thailandese questo pomeriggio, 6 agosto, ha temporaneamente sospeso l'ordine del governo di vietare le "notizie false" che potrebbero causare panico pubblico e compromettere la sicurezza nazionale, e ha chiuso i siti web ai sensi del decreto di emergenza.

In base a come era stato scritto l'ordine, anche notizie che erano vere potrebbe essere una violazione se il governo lo ritenesse come "causare paura pubblica, allarmare, spaventare le persone o panico". Questa particolare parte della legge era una delle principali preoccupazioni per i critici dell'ordinamento giuridico.

La sentenza è arrivata dopo che diverse organizzazioni di media locali, guidate dal fondatore di notizie online di "The Reporters" Thapanee Eadsricha, avevano presentato una petizione alla corte all'inizio di questa settimana per revocare la legge poiché, secondo loro, avrebbe privato i diritti fondamentali delle persone e i media che hanno meritato di riconoscere e pubblicare sinceramente informazioni sulle situazioni quotidiane, in particolare sull'aggravarsi della pandemia di Covid-19 e sulle conseguenti proteste.

Secondo l'annuncio sulla Royal Gazette del 29 luglio, la legge vieta tutte le informazioni false e/o fuorvianti che potrebbero generare panico pubblico, confusione e illeciti che potrebbero causare danni, atti aggravanti e/o compromettere la sicurezza nazionale durante l'attuazione del Decreto di emergenza.

La National Broadcasting and Telecommunications Commission (NBTC) è stata autorizzata a chiudere alcuni indirizzi IP e/o media che avrebbero violato l'ordine, se giudicati colpevoli, prima di sporgere denuncia contro gli utenti di Internet alla Royal Thai Police. Questa parte era anche una delle principali preoccupazioni per gli oppositori della legge.

FOTO: Matichon

La petizione depositata affermava che tale legge ha irragionevolmente limitato i diritti e le libertà di un individuo, in contrasto con la Sezione 26 della Costituzione thailandese.

Inoltre, il potere dell'NBTC di ridurre il servizio Internet degli indirizzi IP che hanno pubblicato informazioni false o "spaventose" era una restrizione illegale poiché il presunto diritto del Primo Ministro di ordinare la sospensione del servizio Internet non compare nella Sezione 9 del Decreto di emergenza.

Dopo la lettura, la Corte, quindi, ha disposto a favore un divieto provvisorio contro la legge del governo emanato ai sensi dell'articolo 9 del decreto d'urgenza sulla Pubblica Amministrazione BE 2558 (n. 29), in attesa dell'emanazione da parte del Tribunale di una mutata ordinanza in questo azione.

Il comunicato in lingua inglese della Corte recitava: “Considerato che l'articolo 9 del decreto di emergenza sulla pubblica amministrazione in situazioni di emergenza BE 2548 (2005) (n. 29) non autorizza il Presidente del Consiglio a sospendere i servizi Internet, l'articolo 2 del regolamento che autorizza la sospensione della prestazione dei servizi Internet nei confronti dell'indirizzo Internet Protocol (indirizzo IP) di cui l'utente ha diffuso l'informazione non è compatibile con il Regolamento ed è contrario alla legge.

I media di TPN osservano che si tratta di una sospensione temporanea poiché la questione sarà ulteriormente dibattuta e decisa dai tribunali thailandesi in futuro, tuttavia, è un sollievo per molte organizzazioni dei media.

-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=–=–=–=–==-

Non dimenticare di iscriverti alla nostra newsletter e ricevere tutte le nostre novità in un'unica e-mail giornaliera senza spam. Clicca qui! OPPURE, inserisci la tua e-mail qui sotto!

Aiutaci a sostenere The Pattaya News nel 2021!

Seguici su Facebook, Twitter, Google News, Instagram, Tiktok, Youtube, Pinterest, Flipboard, o Tumblr

Unisciti a noi on LINE per gli avvisi di rottura!

Partecipa alla discussione nel nostro gruppo Facebook https://www.facebook.com/groups/438849630140035/o nei commenti qui sotto.

Vuoi fare pubblicità con noi o richiedere informazioni sulla promozione della tua attività, evento, beneficenza o evento sportivo? Scrivici a Pattayanewseditor@gmail.com

Hai un suggerimento sulle notizie generali, un comunicato stampa, una domanda, un commento, ecc? Non siamo interessati alle proposte SEO. Scrivici a Pattayanewseditor@gmail.com

 

invio
recensione dell'utente
4 (2 voti)
Scrittrice nazionale di notizie presso The Pattaya News da settembre 2020 a ottobre 2022. Nata e cresciuta a Bangkok, Nop ama raccontare storie della sua città natale attraverso parole e immagini. La sua esperienza educativa negli Stati Uniti e la sua passione per il giornalismo hanno plasmato i suoi interessi genuini per la società, la politica, l'istruzione, la cultura e l'arte.