Il baht tailandese diventa la valuta più colpita di quest'anno in Asia a causa della mancanza di spesa turistica dovuta alla pandemia di Covid-19, riferisce il servizio finanziario giapponese

Nazionale -

Il Baht tailandese, che una volta era la valuta più forte in Asia prima dell'epidemia di Covid-19, è gradualmente caduto e diventato la valuta più colpita nella regione nel 2021, il più grande servizio finanziario giapponese Mizuho Bank ha riferito.

La banca giapponese ha anche dichiarato nella nota di venerdì 23 luglio, la "sottoperformance insolita del baht tailandese, rendendolo il peggiore performer fino ad oggi nel 2021".

Secondo i dati finanziari di Refinitiv Eikon, il baht si è anche deprezzato di oltre il 10% rispetto al dollaro americano da un anno all'altro, a partire da lunedì mattina, 26 luglio.

La valuta tailandese si è comportata male al suo minimo quest'anno, rispetto alle altre principali valute nelle regioni dell'Asia Pacifica, i dati riportati. Contro il dollaro statunitense, lo yen giapponese è attualmente giù di quasi il 7 per cento, il ringgit malese è diminuito del 5 per cento, mentre il dollaro australiano è giù del 4,43 per cento da un anno all'altro.

La situazione è simile a un'altalena. Secondo CNBC, prima della pandemia di COVID-19 nel 2019, c'erano preoccupazioni per il rafforzamento del baht tailandese, che era guidato da un'elevata bilancia commerciale. Una valuta più forte rende le esportazioni della Thailandia più costose, rendendola meno attraente sul mercato internazionale.

Fino allo scoppio globale del Covid-19, l'economia thailandese è crollata di nuovo a causa dell'improvvisa contrazione dell'industria del turismo, che è sempre stata la principale fonte di reddito del paese oltre alle esportazioni. La spesa turistica rappresentava circa l'11% del PIL thailandese nel 2019 prima della pandemia, mentre la CNBC ha riferito che meno turisti significava anche una minore domanda di baht.

TPN media nota che il numero ufficiale del PIL è normalmente visto come molto basso in quanto non include la massiccia industria del turismo informale o l'industria a luci rosse della nazione che alcuni negano persino che esista. Insieme, questo può portare il PIL totale del turismo a quasi il 20%.

-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=–=–=–=–==-

Non dimenticate di iscrivervi alla nostra newsletter e riceverete tutte le nostre notizie in un'unica e-mail giornaliera senza spam Clicca qui! OPPURE, inserisci la tua e-mail qui sotto!

[newsletter]

Aiuta a sostenere The Pattaya News nel 2021!

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google News, Instagram, Tiktok, Youtube, Pinterest, Lavagna a fogli mobili, o Tumblr

Unisciti a noi su LINE per gli avvisi di notizie!

Unisciti alla discussione nel nostro gruppo di Facebook https://www.facebook.com/groups/438849630140035/o nei commenti che seguono.

Vuoi fare pubblicità con noi o informarti sulla promozione della tua attività, evento, beneficenza o evento sportivo? Inviaci un'e-mail a [email protected]

Avete una notizia generale, un comunicato stampa, una domanda, un commento, ecc. Non siamo interessati alle proposte SEO. Inviaci una mail a [email protected]