Comunicato stampa: La politica di quarantena e isolamento del COVID-19 dovrebbe tenere insieme le famiglie, dice l'UNICEF

Il seguente è un comunicato stampa dell'UNICEF, i pensieri e le opinioni in questo articolo sono loro.

BANGKOK-

Poiché la Thailandia affronta la terza e più grave ondata di COVID-19 con infezioni tra i bambini in aumento, l'UNICEF Thailandia e il Dipartimento per l'infanzia e la gioventù, hanno adattato le linee guida globali dell'UNICEF per sostenere le autorità thailandesi e tutte le parti interessate nel ridurre al minimo la separazione delle famiglie e promuovere l'unità familiare quando si attuano le misure di quarantena e isolamento del COVID-19.

Uscito all'inizio di quest'anno e ora disponibile in thailandese, la linea guida dell'UNICEF "Bambini, isolamento e quarantena: Prevenire la separazione delle famiglie e altre considerazioni sulla protezione dei bambini durante la pandemia COVID-19". consiglia ai decisori e agli operatori sanitari e di protezione dell'infanzia di garantire l'incolumità fisica e il benessere mentale dei bambini durante l'attuazione della quarantena e dell'isolamento dei bambini infettati o a rischio di contrarre il COVID-19.

Oltre alle considerazioni sulla salute pubblica, le politiche e le decisioni di mettere in quarantena o isolare i bambini che sono risultati positivi al COVID-19 devono tenere conto delle conseguenze negative della separazione familiare sui bambini, tra cui stress, ansia e paura, nonché un rischio maggiore di esposizione a violenza, abuso, negligenza e sfruttamento. Queste decisioni devono essere prese caso per caso in base alle loro condizioni mediche, ai rischi potenziali e alla situazione a casa, afferma la linea guida.

"L'UNICEF accoglie con favore la leadership del Dipartimento dei Bambini e dei Giovani e del Dipartimento della Salute nel prendere misure critiche e tempestive per garantire il benessere e l'interesse dei bambini sulla base del principio di tenere insieme le famiglie, come raccomandato nelle linee guida dell'UNICEF", ha detto Kyungsun Kim, rappresentante dell'UNICEF per la Thailandia.

"Il benessere fisico e mentale generale dei bambini, oltre alla protezione, deve essere una considerazione primaria in tutte le politiche e decisioni sulle misure di COVID-19 per la salute e la sicurezza. La separazione del bambino e del genitore o di chi si prende cura di lui quando uno dei due è risultato positivo al COVID-19 può peggiorare il tributo psicologico sui bambini ed esporli a maggiori rischi di abbandono o violenza. Nessun bambino dovrebbe essere lasciato da solo e le famiglie devono rimanere unite quando possibile". ha detto Kim.

 Se un bambino deve essere messo in quarantena, isolato o trattato in un ospedale o in una struttura ospedaliera (Gli ospedali da campo della Thailandia, il loro editore di parole), un genitore o chi si prende cura di loro deve poterli accompagnare, consiglia la linea guida. Se non è possibile, il bambino deve essere collocato in una struttura vicina alla sua famiglia e che permetta una comunicazione regolare. I dettagli e le informazioni di contatto del bambino e della famiglia devono essere registrati prima che avvenga qualsiasi separazione.

Gli operatori sanitari e i volontari devono anche essere formati nella protezione dei bambini e nella cura dei bambini in base all'età, come identificare i segni di stress e fornire un primo aiuto psicologico, per aiutare a garantire il benessere fisico e mentale dei bambini negli ospedali e nelle cliniche.

Se un genitore o chi si prende cura del bambino deve essere messo in quarantena, isolato o curato in un ospedale o in una clinica, i bambini devono stare con un parente o un tutore responsabile in accordo con il genitore o chi si prende cura del bambino. Se un bambino è stato lasciato da solo, i vicini o i testimoni devono contattare immediatamente la hotline governativa 1300 per aiutare a garantire la sicurezza del bambino e la fornitura di servizi e sistemazioni abitative appropriate.

"L'UNICEF è pronto a sostenere i responsabili politici e gli operatori sanitari e di protezione dell'infanzia a fare riferimento alle linee guida sviluppate in lingua thailandese. Esortiamo tutte le persone coinvolte a fare tutto il possibile per proteggere i bambini e mettere i loro interessi al primo posto, pur rispettando le misure di sicurezza della salute pubblica", ha detto Kim.

Invio
Recensione dell'utente
0 (0 voti)