Mentre le chiusure di Covid-19 si allungano a Pattaya, alcuni residenti locali esprimono preoccupazioni sui lavoratori della costruzione e sull'allontanamento sociale

Pattaya, Thailandia

Il 10 giugno 2021, segnerà due mesi che la famosa vita notturna e il divertimento di Pattaya si saranno fermati, essenzialmente fermando anche il turismo interno che aveva aiutato significativamente Pattaya con il turismo straniero che è stato chiuso per oltre un anno senza fare la quarantena.

Anche se Pattaya ha riaperto i ristoranti per cenare e le spiagge per rilassarsi da questa data, alla città manca ancora la maggior parte della vita per cui è famosa, causando molta frustrazione tra i proprietari e gli impiegati. Inoltre, il turismo interno si è fondamentalmente fermato, anche se lo scorso fine settimana ha portato il maggior numero di turisti nazionali sulle spiagge riaperte da un po' di tempo, il che ha certamente aiutato i venditori di spiaggia e alcuni ristoranti. È vero che le aree pesanti per gli esuli, come il cosiddetto dark side, sono per lo più normali e la vita continua, ma questo non guida la maggior parte dell'economia di Pattaya né attrae i turisti.

Nel frattempo, mentre le attività di intrattenimento rimangono chiuse, i negozi di massaggi sono chiusi, le palestre sono chiuse, le piscine sono senza nuoto e l'alcol è vietato nei ristoranti, tra le altre restrizioni, alcuni residenti locali hanno sollevato con The Pattaya News le preoccupazioni sulla distanza sociale con i lavoratori edili locali, la maggior parte dei quali sono lavoratori migranti che vivono anche in campi e dormitori densi.

La foto utilizzata in questo articolo è stata scattata da un lettore e inviata a TPN la settimana scorsa vicino a un popolare condominio in costruzione a Pattaya. Secondo questo lettore e molte altre fonti, è comune vedere quotidianamente camion come questo carichi di trenta o quaranta persone senza alcuna distanza sociale.

Il residente che ha inviato la foto, che ha anche chiesto di non essere nominato, ha chiesto perché la vita notturna sta continuando a prendere il peso delle chiusure e la colpa quando i numeri di Chonburi (e di Bangkok) Covid-19 sono stati quasi tutti zone industriali, campi di lavoratori migranti, mercati e cantieri, a volte con centinaia e persino migliaia di lavoratori in alcuni siti.

I funzionari della sanità pubblica di Chonburi dichiarano di aver effettuato test in quasi tutte le principali comunità, zone industriali e cantieri e recentemente hanno imposto una quarantena di quattordici giorni a tutti i lavoratori migranti in arrivo. Tuttavia, i critici online affermano che la maggior parte delle persone probabilmente eviterà questo requisito e che, anche se i test si svolgono regolarmente, prendere semplici precauzioni come richiedere ai datori di lavoro di aggiungere più trasporti e seguire le regole di allontanamento sociale attualmente in vigore aiuterebbe la città ad aprirsi molto più velocemente ed evitare un altro giro di infezioni nella comunità locale di migranti.

Chonburi e Rayong hanno anche dichiarato che queste comunità di lavoratori migranti, densamente popolate, sono anche una priorità per i programmi di vaccinazione Covid-19, prevedendo di vaccinare la maggior parte dei lavoratori in questi luoghi il più presto possibile. Detto questo, senza alcun piano attuale per riaprire centinaia di attività chiuse a Pattaya e rimettere in moto l'economia locale, il livello di frustrazione sta raggiungendo l'apice per molti residenti.

Pattaya News nota anche che abbiamo avuto lamentele simili riguardo agli autobus baht a Pattaya che presumibilmente non seguono le regole di distanziamento sociale, richiedendo persino che gli autobus siano stracolmi di persone prima di accettare di spostare i punti di partenza.

Cosa ne pensate? Qual è una buona soluzione al problema?

Invio
Recensione dell'utente
5 (2 voti)