Thomas Cook sull'orlo del collasso finanziario, 600,000 turisti potrebbero essere bloccati in tutto il mondo

LONDRA: Il possibile fallimento del tour operator britannico Thomas Cook, che domenica stava lottando per la sopravvivenza, sarebbe una bomba per i vacanzieri europei e scatenerebbe una mastodontica operazione di rimpatrio.

Ecco le implicazioni per i turisti in caso di crollo del gigante di 178 anni.

Cosa succede in caso di fallimento?

Se la società attaccata non riesce a garantire i fondi di salvataggio da 200 milioni di sterline o a trovare un piano alternativo, dovrà dichiarare bancarotta in Gran Bretagna.

Le attività del gruppo cesseranno immediatamente, costringendo le sue agenzie di viaggio a chiudere, mettere a terra i suoi aerei e lasciare senza lavoro i 22,000 dipendenti globali del gruppo, 9,000 dei quali in Gran Bretagna.

Gli amministratori, probabilmente di società di revisione, saranno nominati per cercare di trovare un acquirente, ristrutturare il suo debito o vendere beni.

Circa 600,000 turisti in tutto il mondo dovrebbero essere rimpatriati, inclusi 150,000 britannici, rendendola la più grande operazione di questo tipo nel paese dalla seconda guerra mondiale.

L'operazione potrebbe richiedere due settimane, la durata massima della maggior parte dei soggiorni di Thomas Cook.

Chi guiderebbe l'operazione?

La British Civil Aviation Authority (CAA) sarebbe stata responsabile dell'organizzazione del rimpatrio, come è stato durante il fallimento della compagnia aerea britannica Monarch nell'ottobre 2017.

Il conto dovrebbe arrivare a diversi miliardi di sterline, inclusi 600 milioni di sterline nel solo Regno Unito.

La CAA ha già elaborato un piano di emergenza chiamato “Operazione Cervino”, dal nome di un bombardamento americano contro le forze giapponesi durante la seconda guerra mondiale.

Verrà fornito un numero di telefono per i turisti interessati.

Quali tutele hanno i vacanzieri?

Thomas Cook ha assicurato ai suoi clienti britannici di essere protetti dalla “garanzia ATOL”.

Questo sistema, che si basa su una direttiva europea, è gestito dal CAA e copre i turisti che hanno acquistato viaggi all-inclusive con voli e hotel.

I turisti già in vacanza potranno terminare il soggiorno per poi rientrare normalmente, con altre compagnie che forniscono i servizi.

Chi non è ancora partito riceverà un rimborso o verrà offerta una vacanza alternativa.

La Direttiva Europea sui pacchetti turistici si applica ai pacchetti vacanza che hanno prenotato in altri paesi dell'UE, garantendo rimborsi e rimpatri in caso di fallimento.

CAA ha promesso che sarà fatto di tutto per riportare i turisti nel giorno previsto.

I viaggiatori che hanno acquistato biglietti aerei solo da Thomas Cook non sono coperti da ATOL, ma possono rivolgersi al fornitore della carta di credito o agli assicuratori per i rimborsi.

Il Pattaya News rileva che Thomas Cook porta oltre 100,000 turisti in Thailandia all'anno principalmente a Phuket e Bangkok secondo il loro sito web.

Fonte: Bangkok Post

Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/