Il primo ministro thailandese afferma che la Thailandia sta cercando più di 10 sospetti negli attentati di Bangkok e nel sud della Thailandia durante il fine settimana

La gente si riunisce a Bangkok sul luogo di uno degli attentati di venerdì.

BANGKOK (Reuters) – Le forze di sicurezza thailandesi stanno dando la caccia a più di 10 sospetti in relazione a una serie di attentati dinamitardi a Bangkok la scorsa settimana, ha affermato lunedì il primo ministro Prayuth Chan-Ocha.

Sei bombe sono esplose venerdì nella capitale thailandese mentre la città ha ospitato una riunione dei ministri degli esteri del sud-est asiatico. All'incontro hanno partecipato anche alti diplomatici provenienti da Stati Uniti, Cina e altre grandi potenze mondiali.

Le autorità ora affermano che venerdì sono esplose anche un totale di sei bombe incendiarie nel centro di Bangkok, di cui due che hanno provocato piccoli incendi nei centri commerciali in un quartiere centrale dello shopping popolare tra i turisti.

Sabato, altre tre bombe sono esplose anche contro tre bancomat nella provincia meridionale di Pattani sabato, nessuno è rimasto ferito o ha rivendicato l'attacco.

"Ci sono più di 10 persone coinvolte che devono essere arrestate, accusate e indagate per la causa (dell'attacco)," ha detto lunedì mattina il Primo Ministro Prayuth da Bangkok parlando alla stampa.

"Al momento non possiamo dire chi c'è dietro l'attacco, ma sono spietati e meschini con l'obiettivo di creare caos per il Paese in un momento in cui le cose stanno procedendo sotto un governo democratico", ha aggiunto.

Due uomini sono detenuti da venerdì, accusati di aver piazzato due bombe, che le autorità in precedenza avevano definito false, davanti al quartier generale della polizia nel centro di Bangkok giovedì, il giorno prima dei sei attentati intorno a Bangkok.

I due sospetti provengono da Narathiwat, una delle più grandi province malesi-musulmane nel profondo sud della Thailandia, dove un'insurrezione durata più di un decennio ha provocato la morte di quasi 7,000 persone dal 2004. Sono detenuti a Yala, un'altra provincia meridionale.

La violenza è stata in gran parte confinata a quella regione, sebbene in passato militanti musulmani siano stati accusati di attentati dinamitardi nella capitale.

Nessun gruppo ha rivendicato la responsabilità degli attacchi.

FONTEReuters, Con piccole modifiche di Adam Judd
Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/