La Thailandia afferma che sta procedendo sulla linea ferroviaria thailandese-cinese ad alta velocità

BANGKOK (Reuters) – Il governo thailandese ha dichiarato che sta “facendo progressi” con la tanto ritardata linea ferroviaria ad alta velocità thailandese-cinese che collegherà Thailandia, Laos e Cina, mentre i tre paesi si preparano a siglare un altro accordo questa settimana a Pechino Vertice della cintura e della strada.

I colloqui formali sul progetto - una linea ferroviaria che dovrebbe allungarsi per 873 km (542 miglia) - sono iniziati nel 2014 ma sono stati afflitti da ritardi, inclusi disaccordi su progettazione, finanziamento e assistenza tecnica.

Il progetto thailandese fa parte del piano cinese per una rete di collegamenti attraverso il sud-est asiatico che alla fine collegherebbe Kunming, nel sud-ovest della Cina, con Singapore.
Fa anche parte di una più ampia iniziativa cinese per costruire infrastrutture per collegare la Cina con l'Asia, l'Europa e oltre.

La Thailandia ha deciso nel 2016 contro il finanziamento cinese del progetto a causa dei tassi di interesse elevati - denuncia di progetti simili in diversi paesi - un

d ha deciso di finanziare la parte tailandese da 170 miliardi di baht (5.32 miliardi di dollari) del progetto stesso.
Finora in Thailandia sono stati costruiti solo i primi 3.5 km della linea, ma martedì un funzionario del ministero dei Trasporti ha detto a Reuters che la prima sezione che porta a Bangkok dovrebbe essere completata in due o tre anni.

Il progetto sarà rilanciato quando Thailandia, Laos e Cina firmeranno giovedì un memorandum di cooperazione a tre vie in una conferenza di Pechino per costruire un ponte ferroviario che colleghi la provincia thailandese di Nong Khai e la capitale del Laos Vientiane, ha affermato il ministero thailandese di Affari Esteri.

"Il ponte di collegamento renderà il progetto un esempio di connettività senza soluzione di continuità nella regione", ha detto ai giornalisti Lada Phumas, direttore della divisione dell'Asia orientale del ministero in una conferenza stampa.
“Il progetto sta andando al suo ritmo. Dobbiamo sottolineare che il progetto sta facendo progressi in base ai nostri obiettivi", ha aggiunto.
Il vertice Belt and Road, che si svolgerà da giovedì a sabato a Pechino, vedrà la partecipazione del primo ministro Prayuth Chan-ocha e dei suoi ministri degli esteri e dei trasporti.

I commenti dalla Thailandia arrivano dopo che Malesia e Cina hanno concordato il 12 aprile di riprendere la costruzione di un progetto ferroviario di 688 km (430 miglia).

“DAVVERO SUCCESSO”
La ferrovia thailandese-cinese è divisa in due sezioni: la prima è una linea di 250 km (155 miglia) che collega la capitale thailandese Bangkok e la provincia nord-orientale di Nakhon Ratchasima.
Quella sezione dovrebbe essere operativa tra due o tre anni, ha detto questa settimana a Reuters Chaiwat Thongkamkoon, segretario permanente del Ministero dei Trasporti. Non è stato in grado di fornire una tempistica per il completamento dell'intero progetto.

L'altra parte collega Nakhon Ratchasima e il confine thailandese nella provincia di Nongkhai, dove il ponte – oggetto dell'accordo di giovedì – collegherà la ferrovia thailandese con la rete del Laos.

La costruzione di parti della ferrovia ad alta velocità viene eseguita separatamente in ciascun paese. La Thailandia afferma che non accetta finanziamenti dalla Cina, ma utilizza l'esperienza cinese e acquista attrezzature e tecnologia ferroviaria dalla Cina.

“Ecco perché questa zona di collegamento (il ponte tra Laos e Thailandia) è importante. Simboleggia che l'iniziativa Belt and Road attraverso questo corridoio meridionale sta realmente avvenendo", ha detto Chaiwat.

Ha affermato che le discussioni avanti e indietro tra Cina e Thailandia hanno causato ritardi, ma i negoziati sul sistema ferroviario altamente tecnico - costituito da segnalamento, alimentazione e binari - sono ora in via di completamento.

"I cinesi hanno inizialmente sviluppato la ferrovia per il loro uso domestico e sono arrivati ​​​​molto lontano per esportare tale tecnologia, ma è ancora relativamente nuovo per loro trasferire la loro tecnologia ad altri", ha affermato Chaiwat, aggiungendo che la maggior parte dei documenti, dei corsi di formazione e il design era inizialmente in cinese.

"La negoziazione è stata completata al 90% e penso che un accordo possa essere presentato e firmato da entrambe le parti entro un mese", ha detto Chaiwat.

"Dopodiché, è tutta una questione di costruzione."

Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/