La Thailandia raddoppia l'applicazione dello svapo, conducendo incursioni e ricordando ai turisti che è contro la legge

Bangkok-

Mentre un nuovo gruppo di lobby sullo svapo e sulle sigarette elettroniche continua a spingere il governo per una revisione delle leggi sullo svapo e sui prodotti di sigarette elettroniche, la polizia sta intaccando ulteriori repressioni sulle vendite di prodotti relativi allo svapo.

Sedici thailandesi e due birmani sono stati arrestati a Bangkok per aver venduto dispositivi per sigarette elettroniche, caricatori di nicotina e prodotti per il fumo di tabacco baraku (narghilè).

Il tenente generale di Pol Surachate Hakparn, nella sua qualità di vice capo dell'Action Taskforce for Information Technology Crime Suppression, ha detto ai giornalisti che gli arresti sono stati effettuati in diversi mercati notturni la scorsa notte, 3 marzo 2019.

È stato scoperto che 21 negozi vendevano dispositivi illegali di sigarette elettroniche e pipe per narghilè e 18 persone sono state arrestate.

La polizia ha confiscato 81 dispositivi per sigarette elettroniche, 1,127 bottiglie di prodotti chimici per sigarette elettroniche e 777 narghilè e altri articoli illegali.

L'operazione ha fatto seguito a un raid del 28 febbraio al mercato di Klong Thom in cui tre thailandesi e due laotiani sono stati arrestati per aver venduto lo stesso tipo di attrezzatura.

I funzionari thailandesi hanno ricordato ai turisti e alla gente del posto che questo rimane contro la legge e le multe e l'applicazione potrebbero essere molto, molto alte.

Gli utenti dei social media ritengono che le incursioni siano state condotte a causa della stampa internazionale causata da una donna francese che si è lamentata delle affermazioni di essere stata espulsa dopo aver rifiutato di pagare quella che ha definito una tangente di 40,000 baht per essere stata sorpresa a svapare in Thailandia. La polizia thailandese afferma che la donna aveva torto e molteplici segni e leggi, nonché gli avvertimenti dell'ambasciata affermano che lo svapo è contro la legge e che sostenere l'ignoranza della legge non è una scusa.

 

Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/