Uno sguardo approfondito alla "Green Rush" in Thailandia e all'imminente industria della marijuana

Nota dell'editore: questo articolo è stato originariamente pubblicato su Diplomat.

Nel 2018, il parlamento nominato dalla giunta militare thailandese ha offerto al popolo thailandese un "regalo di Natale" votando per emendare la legge sui narcotici del 1979, che legalizza la cannabis per usi medicinali e di ricerca. La decisione è la prima del suo genere in una regione che è stata a lungo nota per le sue leggi estreme sulla droga, le dure condanne e le carceri sovraffollate.

Per decenni, la Thailandia e il resto del sud-est asiatico hanno leggi severe sulla droga e molti paesi della regione condannano a morte i trafficanti di droga. La sola Thailandia ha 200,000 detenuti rinchiusi con accuse legate alla droga nelle sue famigerate prigioni sovraffollate. Ma con le elezioni incombenti e l'attuale governo a guida militare che guarda a nuove prospettive di crescita economica, la cannabis viene pubblicizzata come la bacchetta magica che potrebbe rilanciare l'economia mentre getta la giunta in una luce più progressista.

Come risultato della crescente marea mondiale di accettazione della cannabis, che ha portato alla legalizzazione dei medicinali nei paesi di tutto il mondo, gli esperti stimano che la fiorente industria legale dell'erba potrebbe valere 146 miliardi di dollari entro il 2025. La legalizzazione della cannabis ricreativa in Canada e California mostra un'ulteriore mercificazione di la pianta un tempo proibita è tanto sicura quanto redditizia. Alcuni in Thailandia ora affermano che il paese è pronto a sconvolgere il mercato globale della cannabis e fungere da seria concorrenza per le aziende canadesi e americane.

Secondo Jim Plamondon, vicepresidente del marketing per la Thai Cannabis Corporation, in parte di proprietà di stranieri, quando le aziende thailandesi debutteranno sulla scena, sconvolgerà l'intero mercato globale della cannabis, grazie alla combinazione del clima thailandese, delle infrastrutture di esportazione e di una relazione secolare con la pianta. Plamondon afferma che nel prossimo futuro i consumatori potranno scegliere tra due prodotti pluripremiati e di alta qualità a prezzi estremamente diversi.

"Immagina che il tuo vicino si trovi in ​​un dispensario di cannabis, di fronte a due once di cannabis di alta qualità", dice Plamondon. "Il tuo vicino comprerebbe l'oncia che costa $ 160 o l'oncia che costa $ 20?" Plamondon afferma che questa è la scelta esatta che verrà presentata nei dispensari di tutto il mondo una volta che la "Guerra alla droga" globale sarà inevitabilmente finita.

Il rapporto della Thailandia con la cannabis risale a centinaia se non migliaia di anni. La pianta ha una lunga storia nella medicina tradizionale cinese e dell'Asia orientale, essendo usata per trattare il dolore e una serie di altri disturbi e sintomi ed era tradizionalmente usata come spezia caratteristica nella zuppa di noodle tailandesi. Nell'ambito dei radicali cambiamenti apportati nel paese negli anni '1930, che includevano la ridenominazione del paese del Siam in Thailandia, il paese promulgò il Marijuana Act del 1934. Considerato relativamente clemente, l'atto limitava le sanzioni per qualsiasi quantità di cannabis a meno di un anno.

Nel 1979, il Regno ha approvato la legge sui narcotici drasticamente più severi. Sotto l'intensa pressione degli Stati Uniti, la nuova legge ha proibito l'uso di cannabis in qualsiasi forma e pene detentive per la distribuzione o produzione della droga da due a 15 anni, insieme a una multa di $ 40,000. Prima di questo, la maggior parte delle importazioni illecite di cannabis nel mondo provenivano dalla Thailandia e i "Thai Sticks", come venivano chiamati, sono stati per decenni il gold standard degli stoner. Come osserva Peter Maguire, autore del libro Thai Sticks: Surfers, Scammers, and the Untold Story of the Marijuana Trade, un agente della Drug Enforcement Agency statunitense all'epoca definì la cannabis thailandese il "sigaro cubano del mondo della marijuana".

Ora che gli atteggiamenti occidentali sono cambiati, la Thailandia sembra prepararsi lentamente ma inesorabilmente a seguire l'esempio storico di numerose altre industrie e utilizzare il suo clima ottimale e i bassi costi salariali per dominare il mercato della cannabis con le sue esportazioni. Dopotutto, come potrebbero competere le aziende canadesi e americane, che spesso crescono all'interno di serre e pagano i tagliabordi da $ 12 a $ 15 l'ora?

"Ecco perché il Nord America, l'Europa, il Giappone, la Cina, l'Australia e quasi tutti gli altri paesi della 'zona temperata' importano colture tropicali come noci di cocco, vaniglia, chicchi di caffè e cioccolato, invece di coltivarle in costose serre", Plamondon dice, aggiungendo che è semplicemente molto più economico importare tali prodotti piuttosto che coltivarli.

Prima degli anni '1980, la maggior parte della cannabis di alta qualità importata in Nord America e in altri paesi con clima temperato proveniva dalla Thailandia. Ora il mercato potrebbe oscillare di nuovo in questo modo una volta rimosse le barriere della fallita "Guerra alla droga".

"È come il selvaggio West in questo momento", dice Kitty Chopaka del gruppo thailandese di difesa della cannabis Highland. "È come se una miniera d'oro si fosse appena aperta e le persone stessero solo cercando di prendere la pala e mettersi in riga."

Di recente, la giunta ha emesso un ordine esecutivo che consente al Dipartimento della proprietà intellettuale di revocare le domande di brevetto presentate da società straniere prima della modifica della legge. Due giganti farmaceutici, la britannica GW Pharmaceuticals e la giapponese Otsuka Pharmaceutical, avevano tentato di depositare brevetti su estratti di cannabis presenti in natura in ciò che molti gruppi della società civile thailandese e la ricerca temevano avrebbe portato al dominio straniero nell'industria in erba.

Le politiche protezionistiche potrebbero però ritorcersi contro. I decenni di proibizione della cannabis nel regno hanno lasciato i thailandesi in svantaggio. Chiudendo il settore alle grandi aziende interessate a finanziare la ricerca, il governo potrebbe inibire la crescita iniziale del settore. “Non abbiamo questa competenza. Non abbiamo la ricerca", dice Kitty Chopaka, "quindi capisco dove è necessario, dove i pezzi grossi devono entrare in gioco".
Le elezioni spesso rinviate a seguito del colpo di stato militare del maggio 2014 sono ora fissate per il 24 marzo 2019 e la promessa economica della cannabis sta ricevendo molta attenzione. Nella sua piattaforma politica, il partito politico Bhumjaithai ha annunciato che avrebbe sostenuto gli agricoltori che coltivano fino a sei piante di marijuana per scopi medicinali. Il segretario generale del partito afferma che la Thailandia dovrebbe prendere una pagina dal mercato legale della cannabis numero uno al mondo, la California, e afferma che una pianta può produrre 70,000 baht thailandesi ($ 2,200) di marijuana in un anno.

Diversi altri partiti politici stanno pubblicizzando la cannabis come il nuovo raccolto di denaro dell'economia significativamente agraria della Thailandia. Con più di 40 thailandesi impiegati nell'agricoltura, l'economia del paese è molto sensibile alle fluttuazioni dei prezzi di materie prime come gomma, zucchero e soprattutto riso. Tuttavia, politici come Anuthin Charnwirakul di Bhumjaithai, che cercano di ottenere il sostegno degli agricoltori prima delle elezioni di marzo, potrebbero essere troppo promettenti. Il mercato globale della cannabis è attualmente allagato e i prezzi stanno scendendo. Negli Stati Uniti, lo stato dell'Oregon ha un surplus di cannabis da sei anni.

Il futuro della Thailandia come hub asiatico della marijuana medica non è ancora una certezza assoluta. La legge sulla legalizzazione medica limitata di dicembre necessita ancora della prevista approvazione reale e ha un periodo di valutazione di cinque anni. Tuttavia, i vantaggi economici per il settore agricolo del regno e il potenziale per aumentare il suo status di destinazione leader del turismo medico - insieme alle buone pubbliche relazioni per l'esercito al potere, che aspira a mantenere il potere dopo le elezioni di marzo - significano l'arrivo del famoso thailandese Attaccare la cannabis nel menu dei germogli è quasi certo. E quando ciò accadrà, i giganti della cannabis che stanno attualmente raccogliendo investimenti in Nord America saranno nei guai.

FONTEthediplomat.com
Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/