I sollevatori di pesi thailandesi affrontano il potenziale divieto olimpico dopo sei test antidroga positivi ai Campionati del mondo

LONDRA (Reuters) – I sollevatori di pesi thailandesi rischiano la squalifica dai Giochi di Tokyo 2020 dopo sei test positivi, due dei quali da campioni olimpici in carica, ai Mondiali dello scorso anno.

I thailandesi sono stati catturati quando la Federazione Internazionale di Sollevamento Pesi (IWF) ha effettuato ulteriori test a Colonia, in Germania, su campioni prelevati lo scorso novembre da “atleti bersaglio” ai Campionati del Mondo in Turkmenistan.

Qualsiasi nazione con tre o più positivi in ​​un anno solare deve affrontare un divieto fino a quattro anni. La Thailandia ne ha avuti sei, su una squadra di 19, ai Campionati del Mondo, e ha altri due casi di doping ancora da risolvere da dicembre 2017.

Il paese è stato anche coinvolto in uno scandalo per doping nel 2011, quando sette adolescenti sono state bandite dopo essere risultate positive, due delle quali sono tra i sei nuovi casi.

La Thailandia ospiterà i Campionati Mondiali IWF di quest'anno a settembre, ma se sospesa dovrebbe ritirarsi.

L'IWF ha dichiarato in una dichiarazione di aver precedentemente sospeso nove paesi per ripetuti reati di doping e che "non esiterà" a fare lo stesso di nuovo.

La decisione spetterà a un nuovo pannello sanzionatorio composto da esperti antidoping e avvocati di Stati Uniti, Canada, Germania e Nuova Zelanda.

I primi due risultati positivi ai Campionati Mondiali thailandesi sono stati annunciati il ​​23 dicembre: la medaglia di bronzo dei pesi massimi femminili Duanganksnorn Chaidee e il diciassettenne Teerapat Chomchuen, l'unico maschio tra i sei.

Gli altri quattro, nominati mercoledì dall'IWF, sono i campioni olimpici in carica Sopita Tanasan (48 kg) e Sukanya Srisurat (58 kg), più Thunya Sukcharoen e Chitchanok Pulsabsakul.

Srisurat e Pulsabsakul sono stati coinvolti nello scandalo del 2011 e sospesi per due anni.

Srisurat e Sukcharoen hanno entrambi vinto l'oro ai Campionati del Mondo in Turkmenistan, dove la Thailandia è arrivata seconda dietro alla Cina nel medagliere.

RUOLO DEL MODELLO

All'inizio di questo mese, la Thailand Amateur Weightlifting Federation (TAWA) ha celebrato il suo 60° anniversario con una visita al quartier generale dell'IWF a Budapest, dove il suo presidente, Boossaba Yodbangtoey, ha parlato dei grandi passi avanti compiuti da questo sport.

Boossaba è la segretaria generale della Federazione asiatica di sollevamento pesi e suo marito, Intarat Yodbangtoey, è un vicepresidente dell'IWF.

Boossaba ha detto a Budapest che il sollevamento pesi è lo sport olimpico più popolare della Thailandia e che il suo successo nel reclutare ragazze per questo sport l'ha resa "un modello".

TAWA ha dichiarato in una dichiarazione sui social media di essere "molto sorpresa e confusa" dai nuovi aspetti positivi e di aver già avviato un'indagine interna. "Se si scopre che ci sono trasgressori, saranno puniti", ha detto.

Boosaba non è stato immediatamente disponibile a commentare quando è stato contattato da Reuters.

L'IWF aveva dichiarato in una dichiarazione di aver testato più della metà dei 600 atleti ai Campionati del Mondo 2018, senza risultati positivi.

Ma ha poi effettuato ulteriori analisi su campioni di “atleti presi di mira” presso il laboratorio antidoping di Colonia, utilizzando “la tecnica più sofisticata disponibile: spettrometria di massa a rapporto di gascromatografia-combustione-isotopi (GC-C-IRMS)”.

Ciò ha portato ai positivi tailandesi.

Il sollevamento pesi è effettivamente "in libertà vigilata" a Tokyo 2020, dopo che è stato detto che il suo posto nel programma dei Giochi Olimpici è in fase di revisione.

L'IWF ha rafforzato le sue procedure antidoping e ha dichiarato: “L'IWF rimane impegnata a implementare le tecniche di test più avanzate per garantire che la piccolissima minoranza che imbroglia sia identificata e sanzionata.

"Con gli sforzi antidoping dell'IWF prima, durante e dopo i Campionati mondiali di sollevamento pesi IWF 2018, questo è stato dimostrato ancora una volta".

Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/