Il governo thailandese fornirà protezione ai monaci thailandesi nel profondo sud.

Bangkok (AsiaNews) – Il governo thailandese e l'Ufficio nazionale del buddismo (NOB) hanno annunciato misure di sicurezza a breve e lungo termine per proteggere i monaci nelle province meridionali di Narathiwat, Pattani e Yala, dove si concentra la maggior parte dei musulmani thailandesi.

La decisione segue l'assassinio di due monaci e il ferimento di altri due a Sungai Padi, distretto di Narathiwat. Non è ancora chiaro chi siano gli autori, ma la maggior parte delle persone incolpa i radicali islamici.

Il NOB e le forze di sicurezza thailandesi nelle tre province e nei quattro distretti di Songkhla lavoreranno a stretto contatto per impedire che monaci e templi siano presi di mira dai ribelli musulmani.

Tre giorni fa, una decina di uomini armati vestiti di nero hanno attaccato il tempio di Wat Rattananuparb, uccidendo l'abate Phra Khru Prachote Rattananurak e il suo assistente, Phra Smuh Atthaporn Khun-amphai.

Altri due monaci, Phra Prawate Sookkaew e Phra Tanachote Chumlert, sono rimasti feriti ma ora sono fuori pericolo.

Il NOB dedicherà fondi aggiuntivi ai templi del sud per promuovere le attività religiose, una decisione che il direttore del NOB Pongporn Phramsane ha inoltrato oggi per un consiglio al Consiglio Supremo del Sangha, l'organo di governo dell'Ordine Buddista (Sangha) della Thailandia, che svolge un ruolo simile a quello del Collegio cardinalizio nella Chiesa cattolica.

Nel frattempo, tutti i monaci locali possono decidere se raccogliere o meno l'elemosina dai fedeli. La maggior parte dei templi ha mantenuto la pratica nonostante l'attacco, ma alcuni hanno invitato i buddisti locali a portare offerte direttamente ai templi.

Nel frattempo, i rappresentanti del Chularatchamontree, leader della comunità musulmana thailandese, hanno visitato ieri i due monaci feriti.

Surin Palare, segretario del Consiglio islamico della Thailandia, ha osservato che il leader è profondamente preoccupato per l'incidente, temendo che possa peggiorare le tensioni tra buddisti e musulmani. A suo avviso, gli aggressori stavano cercando di trascinare la religione nel conflitto.
Paese a maggioranza buddista (Theravada) (quasi il 95%), la Thailandia ha annesso la regione meridionale un secolo fa.

Nel 2004, gruppi armati di etnia malese musulmana hanno lanciato un'insurrezione che ha provocato finora la morte di 7,000 persone. La maggior parte delle vittime sono civili musulmani e buddisti, inclusi 23 monaci buddisti.

FONTEAsia News
Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/