La Thailandia probabilmente attuerà una politica sui rifugiati più tollerante dopo i recenti casi di alto profilo

Il capo dell'immigrazione thailandese ha promesso di non costringere i rifugiati a tornare a casa "involontariamente", dopo che la disperata richiesta di reinsediamento di una donna saudita ha attirato l'attenzione globale su un paese che non riconosce i richiedenti asilo.

Il paese non è firmatario di una convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati ed è stato a lungo preso di mira per averli trattenuti in centri di detenzione o deportati in regimi repressivi dove rischiano la prigione o peggio.

Molti casi non fanno notizia, ma le cose sono cambiate all'inizio di questo mese quando il 18enne saudita in fuga Rahaf Mohammed al-Quunun è arrivato a Bangkok e ha evitato la deportazione barricandosi in un hotel all'aeroporto, twittando in diretta la situazione di stallo a un internazionale pubblico.

È stata consegnata all'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati in pochi giorni e reinsediata in Canada entro una settimana, dove è stata accolta dal ministro degli Esteri Chrystia Freeland dopo essere atterrata a Toronto sabato.

Qunun ha detto di aver subito abusi nel regno ultraconservatore e si è rifiutata di vedere i membri della famiglia che sono venuti in Thailandia dopo la sua fuga.

L'elaborazione fulminea del suo caso è stata senza precedenti per la Thailandia ed è stata supervisionata quasi dall'inizio alla fine dal capo dell'immigrazione Surachate Hakparn, un funzionario esperto di media dal linguaggio schietto soprannominato "Big Joke", che è stato recentemente nominato per il ruolo e ha promesso riforme.

Rispondendo alle domande sul trattamento riservato dalla Thailandia ai rifugiati, Surachate ha detto a un'udienza al club dei corrispondenti esteri che avrebbe adottato un nuovo approccio e che sotto la sua supervisione "non ci sarà nessuno rimandato nel paese se non vogliono tornare indietro .” Ha aggiunto che come capo del dipartimento, "ora seguiremo le norme internazionali".

Incontro "Big Joke" con i funzionari delle Nazioni Unite.

Ma le affermazioni sono state accolte con scetticismo visto l'arresto a novembre in Thailandia del calciatore rifugiato Hakeem Al-Araibi, a cui era stata concessa la residenza permanente in Australia ma è stato fermato all'aeroporto di Bangkok mentre cercava di andare in vacanza.

Al-Araibi, ex giocatore della nazionale del Bahrain, è ricercato con l'accusa di danni a una stazione di polizia durante la Primavera Araba nello Stato del Golfo, ma i gruppi per i diritti umani affermano che in quel momento stava giocando una partita e le accuse sono false .
Surachate ha detto che il caso era diverso in quanto c'era un mandato d'arresto in sospeso per Al-Araibi in Bahrain, ma ha detto che poteva discutere il suo caso in tribunale.

L'Australia ha chiesto il ritorno di Al-Araibi nel Paese, dove vive a Melbourne e gioca per una squadra di football semiprofessionale.

Ha anche affermato che l'elaborazione dell'esperienza di Qunun non sarebbe servita da modello per casi futuri in Thailandia e ha negato che le autorità abbiano ceduto alle pressioni quando la storia è diventata virale e Qunun ha raccolto decine di migliaia di follower su Twitter.

"Ogni caso sarà considerato caso per caso", ha affermato.

Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/