463 persone uccise a Capodanno in sette giorni mortali in Thailandia, record quasi nuovo.

Un totale di 463 persone sono morte a causa di incidenti stradali in Thailandia la scorsa settimana, poiché le strade notoriamente letali del paese sono state nuovamente inondate di guidatori ubriachi durante il periodo di Capodanno.

Il Road Safety Directing Center del paese ha affermato che il bilancio delle vittime di quelli che la polizia chiama "Seven Dangerous Days" è aumentato di 40 rispetto al conteggio dell'anno scorso di 423 e poco meno del record di 478 stabilito nel 2017.

La guida in stato di ebbrezza è stata indicata come la causa del 40% delle 3,791 collisioni segnalate tra il 27 dicembre e il 2 gennaio. Durante quel periodo sono rimaste ferite 3,892 persone, in calo rispetto alle 4,005 dell'anno scorso. Sebbene il bilancio delle vittime di quest'anno sia aumentato, il conteggio delle collisioni è leggermente diminuito, da 3,841.

L'eccesso di velocità è stata la seconda causa di collisione più segnalata quest'anno, pari al 28%. L'ottanta per cento dei veicoli coinvolti negli incidenti erano motocicli.

Il mese scorso l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha riferito che il tasso di mortalità per collisione stradale in Thailandia era di 32.7 persone su 100,000, il più alto nel sud-est asiatico. L'organizzazione ha accusato le autorità thailandesi di non attuare in modo efficace le norme sulla sicurezza stradale, portando molti conducenti a scendere in strada ubriachi o senza possedere la patente.

Dopo che è stato riportato il bilancio delle vittime record dell'anno scorso, Liviu Vedrasco dell'OMS ha affermato che sebbene i Sette Giorni Pericolosi abbiano ricevuto molta attenzione, la scarsa sicurezza stradale è stata un problema per tutto l'anno in Thailandia. "Le strade in Thailandia sono pericolose ogni giorno, non solo sette", ha detto.

Secondo l'OMS, la Libia è l'unico paese con un tasso di mortalità per collisione stradale più elevato. Nel 2015 l'organizzazione ha riportato una cifra di 73.4 decessi ogni 100,000 persone nel paese africano.

Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/