Il ministro degli Esteri thailandese afferma che non c'è bisogno di osservatori stranieri alle prossime elezioni

BANGKOK — Il ministro degli Esteri ha detto mercoledì che sarebbe “infausto” avere osservatori elettorali esteri per le elezioni previste per febbraio.

Don Pramudwinai ha detto che la Thailandia ha dignità e non è un Paese problematico, quindi non ha bisogno di osservatori stranieri.

"L'attuale governo è venuto da un colpo di stato, ma è diverso da altri colpi di stato nel mondo, perché non vietiamo o rimuoviamo i diritti in modo eccessivo fino al punto in cui colpisce la maggioranza", ha detto Don.

Le precedenti elezioni del 2001, 2005, 2007 e 2011 sono state monitorate dall'Asian Network for Free Elections, o ANFREL. ANFREL, che ha sede a Bangkok, ha schierato 60 osservatori da 24 nazioni asiatiche nel 2011, l'ultima elezione di successo.

I commenti di Don sono arrivati ​​​​in risposta alle richieste fatte nel corso dei mesi affinché gli osservatori stranieri fossero nel regno per garantire elezioni libere ed eque. Ha detto che le elezioni sono affari interni e ha affermato di aver favorito gli osservatori locali prima di continuare a difendere il governo militare.

“Alcuni ambasciatori hanno discusso con me e sollevato la questione della legge sulla lesa maestà e hanno chiesto perché esiste una legge del genere che limita la libertà di espressione. Ho chiesto se i loro paesi non hanno misure specifiche e ho detto che i thailandesi sono ben consapevoli della legge sulla lesa maestà", ha detto Don. “Se conti il ​​numero di persone che si oppongono, scoprirai che è solo una manciata. Allora come può essere un problema quando la maggioranza non lo vede come un problema?”

Don ha aggiunto che il divieto di assemblea politica è stato imposto in modo che il Paese potesse andare avanti e che non ci sono state restrizioni nell'esprimere opinioni negli ultimi quattro anni.

Lo stesso giorno, il membro del partito Pheu Thai Nakorn Machim ha esortato il governo degli Stati Uniti a inviare osservatori elettorali in Thailandia per supervisionare le elezioni di febbraio promesse.

Nakorn – un ex parlamentare democratico per la provincia di Phitsanulok – si è recentemente unito al partito Pheu Thai. Mercoledì ha incontrato l'ufficiale di politica, economia e diplomazia pubblica Vi L. Jacobs-Nhan del Consolato degli Stati Uniti della Thailandia e ha inviato una lettera mentre i due si incontravano nella provincia.

Nakorn in seguito ha detto ai giornalisti di essere preoccupato per il fatto che il voto non sarà libero ed equo poiché crede che la giunta - che ha organizzato il colpo di stato del maggio 2014 e rimane al potere - possa controllare i procedimenti. Nakorn ha detto che Jacobs-Nhan gli ha detto che avrebbe trasmesso il messaggio e la lettera alle autorità.

FONTEInglese Khaosod
Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/