Il governo thailandese spinge avanti sulla legalizzazione della marijuana medica

BANGKOK: La Thailandia sta lanciando piani per legalizzare la marijuana medica, ha detto un funzionario all'AFP mercoledì (31 ottobre), poiché il paese spera di incassare un'industria multimiliardaria con un prodotto che i suoi sostenitori salutano come uno dei migliori al mondo.

Diverse nazioni hanno abbracciato l'uso della cannabis medicinale, tra cui Canada, Australia, Israele e più della metà degli stati degli Stati Uniti.

Ma la Thailandia sarebbe il primo paese asiatico a farlo, attingendo a un mercato che secondo Grand View Research, con sede negli Stati Uniti, potrebbe raggiungere i 55.8 miliardi di dollari entro il 2025.

Un progetto di legge per consentirne un uso limitato è stato inviato all'Assemblea legislativa nazionale (NLA) del governo militare.

"Abbiamo presentato il disegno di legge all'oratore", ha detto all'AFP Jet Sirathraanon, presidente del comitato permanente della salute pubblica dell'NLA, aggiungendo che avrà la sua prima lettura nel parlamento ufficiale del governo tra meno di un mese.

La cannabis sarebbe "solo per i farmaci, non per la ricreazione", ha aggiunto.

La marijuana rimane illegale in Thailandia, con pesanti sanzioni per il traffico di droga, anche se il paese rimane un importante snodo di transito regionale e produttore di stupefacenti.

Ma l'idea della marijuana terapeutica è stata a lungo più accettabile per ampie fasce della società nel paese a maggioranza buddista e funzionari governativi hanno precedentemente sostenuto la necessità di riformare le leggi sulla droga.

Jet ha affermato che la Thailandia ha ritardato troppo a lungo il cambiamento mentre altri paesi come Canada e Australia hanno colto l'attimo, inclusa la legalizzazione delle esportazioni.

Ha citato le possibilità di generare entrate che la modifica delle leggi fornirebbe alla Thailandia, nonché gli effetti benefici che potrebbe avere sui pazienti che soffrono.

Ha anche elogiato la qualità delle piante del paese del sud-est asiatico, che prosperano particolarmente bene nelle terre di confine del Triangolo d'Oro di Thailandia, Laos e Myanmar.

"Lo sto facendo perché è un'opportunità per i thailandesi", ha detto. "La Thailandia ha la migliore marijuana del mondo."

Gli esperti sono d'accordo e vedono un potenziale simile.

"Oggi, la Thailandia può produrre cannabis fantastica a una frazione del costo dei coltivatori occidentali", ha affermato Jim Plamondon, vicepresidente marketing della Thai Cannabis Corporation, descritta come la prima azienda legale di marijuana del paese.

"Domani, la Thailandia rivendicherà la sua eredità culturale, diventando il principale coltivatore, trasformatore e produttore mondiale di prodotti a base di cannabis", ha affermato.

"Qualsiasi azienda che prende sul serio la cannabis dovrebbe iniziare a spostare la sua catena di approvvigionamento in Thailandia".

Per gentile concessione di Associated Press e Channel News Asia.

Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/