La Thailandia fissa un termine di un mese per arrestare ed espellere tutti gli stranieri in ritardo, sono previsti severi controlli

Bangkok-

 

Il vice primo ministro e ministro della Difesa thailandese Prawit Wongsuwan ieri ha incaricato il pol Magg-General Surachate Hakparn, capo dell'Ufficio per l'immigrazione della Thailandia, di reprimere gli stranieri che soggiornano oltre i loro visti o usano la Thailandia come rifugio sicuro per attività criminali.

Il Pol Magg-General Surachate Hakparn ha avuto un mese per arrestare e deportare migliaia di stranieri sospettati di soggiornare illegalmente nel Regno, ha riferito la Nazione.

Il generale Prawit, che sovrintende alla sicurezza nazionale, ha emesso l'ordine ieri durante una riunione dell'esercito, della polizia e delle agenzie di sicurezza del ministero dell'Interno, secondo il portavoce del ministero della Difesa Kongcheep Tantra-Wanit.

Il generale Prawit ha detto al generale Surachate Hakparn di intensificare gli sforzi per proteggere i turisti stranieri e per reprimere i criminali transnazionali che entrano nel Regno spacciandosi per turisti.

All'Ufficio per l'immigrazione è stato ordinato di far rispettare rigorosamente la legge, eliminare gli stranieri senza visto e prolungare il soggiorno dei loro visti e deportarli entro un mese. Gli fu detto di controllare se gli stranieri che facevano affari qui lavoravano in professioni legalmente riservate ai thailandesi.

Il Pol Magg-General Surachate Hakparn è stato recentemente promosso a capo ad interim dell'Ufficio per l'immigrazione dopo aver guidato una serie di incursioni e controlli a campione che finora hanno trovato più di 1,000 stranieri in attesa di visto.

Surachate ha forti legami con Prawit, la cui popolarità è diminuita dopo lo scandalo degli orologi di lusso. Il comandante della polizia si era recentemente fatto un nome con la sua repressione dei crimini legati agli stranieri come vice comandante della Polizia turistica.

La Thailandia accoglie più di 30 milioni di visitatori all'anno per turismo. Il paese ospita anche milioni di lavoratori migranti documentati e privi di documenti provenienti da tutto il mondo. L'ingresso illegale e il soggiorno fuori orario non sono insoliti per il paese.

L'Ufficio Immigrazione ha annunciato ieri sul suo sito web che c'erano 1.6 milioni di stranieri che vivevano in Thailandia tra gennaio e agosto.

I canadesi erano il gruppo più numeroso con 9,872, seguiti da 9,583 olandesi, 9,566 bengalesi e 9,483 italiani. Nello stesso periodo, più di 10 milioni di turisti stranieri sono entrati nel Regno, ha affermato l'ufficio.

Seguendo l'ordine di Prawit, Surachate ha guidato ieri la polizia a 22 cittadini di nazioni africane e un uomo del Myanmar sulla Sukhumvit Soi 3 di Bangkok, alcuni dei quali stavano camminando per strada.

Otto di loro avevano i documenti in regola e sono stati rilasciati, mentre Luke Okoli, 18 anni, sudafricano, è stato accusato di possesso di marijuana e ingresso illegale nel Regno.

Kevin Asok, 29 anni, della Guinea, e Ake Dikajvuidi, 25 anni, e Ramaqami Kapita Mwati, 27 anni, del Congo, sono stati accusati di trasporto di passaporti falsi. Altri dieci sono stati accusati di essere entrati illegalmente in Thailandia, incluso l'uomo del Myanmar identificato solo come Suneil, 22 anni.

Gli altri erano John Omo, 26, dello Zimbabwe, Chers Igbosonu, 24, del Mozambico, Gabriel Williams, 29, della Liberia, Yamoah Gilbert, 19, e Boyyant, 27, del Ghana, Chibueze Casmir, 31, della Nigeria, e Masud Masata, 23, e il mongolo Jacques Pilipili, 19, del Congo.

Il generale Surachate ha convocato ieri una conferenza stampa per discutere le misure per aiutare le vittime di bande di call center e 412 truffe romantiche. Le operazioni di polizia negli ultimi anni per reprimere i criminali stranieri sono riuscite a restituire 27 milioni di Bt a 133 vittime di tali crimini, ha affermato.

È in corso un giro di vite sui crimini legati agli stranieri e il tribunale ha emesso più di 600 mandati di arresto per membri di bande di call center. Più di 30 casi di truffe romantiche sono ora sotto inchiesta.

Anche i cittadini thailandesi coinvolti o facilitatori di tali criminali sarebbero stati arrestati, ha avvertito.

I forum degli espatriati e la reazione sui social media sono stati contrastanti, tuttavia, è stato fortemente suggerito da molti espatriati legali di lunga data di conservare una copia del passaporto e un timbro di ingresso/uscita sulla propria persona. È legale in Thailandia controllare a campione lo stato del proprio passaporto.

FONTELa Nazione
Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/