Il governo thailandese conduce un'indagine completa sull'aggressione di un turista cinese all'aeroporto dopo che il video è diventato virale (Video)

Bangkok-

La Cina è la principale fonte di turisti della Thailandia, rappresentando circa un quarto dei suoi 35 milioni di visitatori annuali.

Tuttavia, un disastro nautico sulla popolare isola di Phuket a luglio che ha ucciso dozzine di vacanzieri cinesi ha causato un calo delle visite e messo in allerta la Thailandia per problemi che potrebbero avere un impatto sul mercato.

Un videoclip del 27 settembre all'aeroporto Don Mueang di Bangkok, che mostra una guardia che litiga brevemente con un uomo e poi picchia, rientra in quella categoria e scatena rapidamente le reazioni di alcuni dei più alti livelli di governo.

Sunsern Kaewkumnerd, portavoce del governo, ha affermato domenica che il primo ministro e leader della giunta Prayut Chan-O-Cha è stato "profondamente sconvolto" dall'incidente.

“Il primo ministro pensava che, anche se il turista non poteva produrre documenti per riaffermare il suo alloggio e lo status legale in Thailandia, si è rifiutato di rimanere in una stanza di detenzione, ha maledetto e insultato gli ufficiali, si è rifiutato di eseguire gli ordini anche nella sua lingua madre, ha tentato più volte per scappare e agire in modo inappropriato con i funzionari, i funzionari devono comunque ricomporsi e trattarlo in linea con la pratica internazionale”. Sunsern ha detto in un messaggio ai giornalisti.

Ha aggiunto che due dipendenti senior dell'aeroporto erano stati sospesi e la guardia era stata licenziata dalla sua posizione.

Uno dei dipendenti, Suthirawat Suwannarat, che è il direttore generale dell'aeroporto, ha ricevuto una sospensione di 30 giorni dopo aver incontrato direttamente i massimi livelli del governo che hanno incontrato anche funzionari del governo cinese. L'indagine sulla politica aeroportuale proseguirà.

"Non possiamo negare la responsabilità per questa mancanza e mi rammarico e mi scuso con il turista cinese", ha detto ai giornalisti sabato.

"Sebbene abbiamo il diritto di difenderci, in questo caso non era ragionevole e il turista era frustrato e non una vera minaccia". Egli ha detto.

Il turista è stato identificato come Mei Ji ed era arrivato con un volo da Giacarta, ha detto l'autorità aeroportuale. Ha aggiunto che si era rifiutato di aspettare all'interno di una stanza, si era rifiutato di seguire gli ordini dell'aeroporto e dei funzionari di polizia, si era rifiutato di parlare con un traduttore, aveva insultato e insultato continuamente funzionari e polizia e si era rifiutato di parlare con qualsiasi supervisore o superiore. Ha anche affermato che ha tentato più volte di scappare o "correre" attraverso il controllo passaporti.

Successivamente è stato espulso e si è scoperto che i suoi documenti erano effettivamente falsi e non aveva un visto valido per entrare in Thailandia, ma non prima che l'incontro fosse stato filmato sui telefoni cellulari e caricato online ed entrato nella corte dell'opinione pubblica.

La rapida risposta dalla Thailandia evidenzia la persistente sensibilità per il disastro di Phuket, in cui sono morte quasi 50 persone. Le autorità continuano ad affermare che, sebbene il signor Mei Ji stesse effettivamente violando la legge e non avesse collaborato in nessun momento, avrebbe dovuto essere colpito fisicamente da un funzionario.

Il Ministero del Turismo e dello Sport ha stimato che perderebbe più di mezzo milione di turisti cinesi arrabbiati e spaventati per la tragedia della barca.

Ad agosto circa 860,000 dei 3.2 milioni di turisti che hanno visitato la Thailandia erano cinesi, secondo le statistiche del governo.

I numeri rappresentano un calo di quasi il 12% delle visite cinesi rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Il video è qui sotto. Come nota, il titolo non è corretto: non sono state applicate multe o spese anormali come hanno confermato più fonti oltre al turista che è stato incaricato di pagare un volo di ritorno nel suo paese dopo che non aveva un visto valido per entrare nel paese.

Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/