Sospetto sito nero della CIA in Thailandia destinato a diventare attrazione turistica

Non molte attrazioni turistiche si promuovono dicendo “non c'è niente da vedere qui”. Ma il Ramasun Camp Historical Museum nel nord-est della Thailandia non è la tua destinazione media: è tra i luoghi sospettati di ospitare un sito nero della CIA e una prigione segreta di tortura.

La base, destinata ad aprire come museo sabato, iniziò come la 7a stazione radio da campo dell'esercito americano nel 1964 e, secondo la storia ufficiale, fu usata nella guerra del Vietnam per spiare i comunisti e controllare i movimenti degli aerei fino al 1976.

Ufficiosamente e più recentemente, è uno dei tre siti nella remota provincia nord-orientale di Udon Thani sospettati di far parte della rete mondiale di luoghi segreti della Central Intelligence Agency degli Stati Uniti in cui i sospetti terroristi sono stati sottoposti a interrogatori rafforzati.

Il primo luogo di detenzione internazionale della CIA era in Thailandia e la rete è stata più attiva all'indomani degli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001 negli Stati Uniti, quando è stato riferito che i detenuti erano stati sottoposti a waterboarding o avevano sbattuto ripetutamente la testa contro i muri.

Il tenente colonnello Ratkrit Daengthaisong, comandante del battaglione che sovrintende a Ramasun, ha affermato di aver indagato e di aver concluso che il complesso non ospitava mai una struttura segreta.

"Penso che sia perché il complesso è vietato agli estranei mentre la gente del posto è a conoscenza di un tunnel sotterraneo", ha detto al quotidiano Bangkok Post. "Questo potrebbe dare loro un senso di segretezza."

Ratkrit ha detto di aver parlato con diversi veterani e nessuno ha mai visto nulla. “Quindi, apriremo il campo di Ramasun al pubblico e faremo vedere loro di persona. Vedrai un edificio radar circondato da gigantesche torri radar e un tunnel sotterraneo di 300 metri".

Si dice da tempo che Ramasun sia il luogo in cui la CIA ha portato Riduan Isamuddin, alias Hambali, dopo il suo arresto nel 2003. Allora il sospetto terrorista più ricercato del sud-est asiatico, con legami con coloro che hanno orchestrato gli attacchi dell'11 settembre e gli attentati al nightclub di Bali del 2002 che ha ucciso 202 persone, Hambali è stato tenuto in un luogo segreto per tre anni prima di arrivare a Guantanamo Bay.

Il governo gestito Sito web dell'elenco del turismo della Thailandia, , afferma che Ramasun è stato abbandonato tra il 1976 e il 1997. In quel periodo, l'attrezzatura radar è stata lasciata inattiva e il materiale è stato rubato. Alcuni degli edifici sono diventati "habitat dei pipistrelli".

I successivi governi thailandesi hanno negato qualsiasi coinvolgimento nei siti neri della CIA e gli Stati Uniti non hanno né confermato né negato l'utilizzo del paese nella guerra al terrorismo. L'argomento è tornato alla ribalta all'inizio di quest'anno, quando Gina Haspel è stata scelta dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump per diventare il direttore della CIA.

Bobina riferito gestiva un sito nero in codice chiamato Cat's Eye a Udon Thani, dove ha supervisionato l'interrogatorio dell'attentatore della USS Cole Abd al-Rahim al-Nashiri. Era lo stesso sito in cui Abu Zubaydah è stato sottoposto a waterboarding 83 volte in un mese, prima dell'arrivo di Haspel.

Ci sono resoconti contrastanti, tuttavia, sul fatto che il sito gestito da Haspel fosse Ramasun o uno collegato alla base aerea di Udon Thani a 14 chilometri di distanza. Quella base è ancora operativa e probabilmente non sarà aperta al pubblico a breve.

FONTESydney Morning Herald per gentile concessione di Michael Ruffles
Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/