La polizia thailandese annuncia che tutti i nigeriani in Thailandia saranno indagati

Bangkok-

La polizia venerdì ha dichiarato che prenderà di mira TUTTI i nigeriani in Thailandia per le indagini in una mossa che un alto funzionario delle Nazioni Unite per i diritti umani avverte potrebbe equivalere a polizia illegale e discriminatoria.

Il capo della polizia turistica, il Magg. Gen. Surachet Hakpal, ha fatto l'annuncio mentre mostrava le persone radunate negli ultimi arresti di massa di 72 cittadini stranieri da 75 località a livello nazionale, inclusa Khaosan Road. Ha detto che gli arresti sono stati effettuati anche in 18 scuole dove gli stranieri lavoravano senza permesso di lavoro.

Undici stranieri sono stati arrestati per ritardo del visto, 46 ​​per ingresso illegale e 15 per reati minori. Tra loro c'erano russi, indiani, laotiani, ugandesi e nigeriani.

Surachet ha affermato che la campagna ha visto più di 2,000 stranieri banditi permanentemente dall'ingresso in Thailandia.

  Originariamente chiamata Operazione Black Eagle, ha prodotto foto settimanali di sospetti per lo più neri in arresto. Surachet ha riconosciuto che lo sforzo ha preso di mira i nigeriani, dicendo che hanno dato la caccia a sospetti che hanno creato truffe romantiche, in cui qualcuno crea una falsa identità online per impegnarsi in una relazione romantica con donne thailandesi che vengono poi spinte a trasferire loro denaro. La polizia dice che la maggior parte dei truffatori sono nigeriani.

 

"Questo non significa che tutti i nigeriani siano persone cattive", ha detto. "La nostra repressione finora è quella di separare i cattivi da quelli buoni".

Ha detto che i circa 1,400 nigeriani attualmente residenti in Thailandia e registrati da Immigration saranno indagati la prossima settimana e interrogati sul loro reddito per prevenire ulteriori crimini commessi da stranieri.

Un membro della Commissione nazionale per i diritti umani associata alle Nazioni Unite ha avvertito che indagare indiscriminatamente su tutti i nigeriani senza prove di illeciti o probabili cause potrebbe essere contro la legge e discrimina i cittadini nigeriani.

"Non dovrebbero indagare a caso sulle persone solo perché sono nigeriani, perché diventerà una discriminazione contro la loro razza". Lo ha affermato Angkhana Neelaphaijit, aggiungendo che gli arrestati hanno il diritto alla difesa legale e a sporgere denuncia se i loro diritti sono stati violati.

I commentatori online e le persone hanno risposto rapidamente alle osservazioni affermando che i nigeriani non sono una razza e una nazionalità e quando la stragrande maggioranza degli stranieri arrestati per soggiorno eccessivo e crimini dall'inizio dell'operazione X Ray erano nigeriani, dovrebbe essere consentito controllare tutti coloro che risiedono in Paese. Coloro che risiedono legalmente, non per soggiorno prolungato e con permessi adeguati se il lavoro dovrebbe essere autorizzato a rimanere, hanno detto i commentatori.

Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/