L'uomo americano getta il suo bambino morto dal ponte di Brooklyn in America, fugge in Thailandia

Un padre del Bronx è fuggito in Thailandia dopo aver portato il suo bambino morto di 7 mesi in giro per New York in uno zaino e aver gettato il suo corpo in un fiume vicino al ponte di Brooklyn e ad altri luoghi turistici, ha detto la polizia mercoledì.

Le autorità thailandesi hanno fermato James Currie, 37 anni, quando è atterrato a Bangkok sulla base delle informazioni fornite loro dalle autorità americane e gli hanno impedito di entrare nel paese e per volere degli Stati Uniti lo hanno detenuto in un luogo non pubblicato, ha detto il capo degli investigatori del NYPD Dermot Shea. Verrà riportato a New York entro pochi giorni per affrontare l'accusa di occultamento di un cadavere umano, ha detto Shea.

Un turista dell'Oklahoma ha notato il corpo vestito di pannolino domenica. Suo marito ha trascinato il bambino senza vita dall'East River a riva e ha cercato di rianimarlo.

"Questo è un caso straziante", ha detto Shea.

La madre del bambino, che vive separata dal padre nel Bronx, aveva visto le notizie sul bambino. Il giorno successivo, ha scoperto che Currie non ha lasciato il figlio all'asilo nido.

Shea ha detto che la donna, 36 anni, ha chiamato i servizi di emergenza sanitaria "da gelare il sangue" dopo aver cercato di contattare Currie. Durante la chiamata, ha detto al centralinista di aver visto un rapporto sul bambino trovato nel fiume e di temere il peggio, ha aggiunto.

Shea ha detto che il bambino era vivo quando Currie lo ha portato nel suo appartamento nel Bronx intorno alle 12:30 di sabato, sotto un accordo di custodia. Il bambino è morto prima che Currie partisse e si dirigesse verso Manhattan intorno alle 1:30 di domenica, ha aggiunto.
Il video mostrava Currie che camminava verso il fiume e trasportava il bambino in uno zaino che aveva modellato come un marsupio. Uno zaino è stato visto galleggiare nel fiume vicino al corpo del ragazzo.

Ulteriori accuse potrebbero essere presentate in attesa dell'autopsia. Questa settimana non è prevista una determinazione sulla causa della morte del bambino.

Diana Campbell, di Stillwater, Oklahoma, ha notato per la prima volta il bambino intorno alle 4:XNUMX di domenica. Suo marito, Monte Campbell, ha guadato in acque poco profonde vicino al South Street Seaport sulla costa di Manhattan, ha recuperato il bambino e ha iniziato la RCP.

"Mi ha appena chiamato e ha detto che c'era un bambino nell'acqua", ha detto Monte Campbell. "Ho chiamato il 911. A quel punto, ho pensato che fosse una bambola."

Ha detto che il bambino non respirava e non mostrava pulsazioni.

Gli agenti di polizia sono arrivati ​​pochi minuti dopo e hanno portato il bambino sul passaggio pedonale, dove hanno continuato la RCP prima che il bambino fosse portato in ospedale e dichiarato morto.

Currie si è imbarcato sul volo per Bangkok intorno alle 2:20 lunedì. La madre del bambino ha chiamato i servizi di emergenza lunedì intorno alle 911.
"Penso che sia ovvio il motivo per cui l'individuo stava cercando di scappare il più velocemente possibile", ha detto Shea.
Currie e la madre del bambino non erano sposate e la polizia non è a conoscenza di altri bambini tra di loro, ha detto Shea.

Shea ha detto che un'indagine preliminare ha mostrato che l'amministrazione dei servizi per l'infanzia della città non aveva rapporti precedenti sul bambino o sulla coppia.

"Non abbiamo bandiere rosse che esistevano prima di questo", ha detto Shea.

FONTEABC News
Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/