Harley Davidson accusata di aver chiuso lo stabilimento statunitense, licenziando centinaia di lavoratori per spedire il lavoro in Thailandia a buon mercato

MILWAUKEE — Un sindacato della Harley-Davidson ritiene che il più noto produttore di motociclette della nazione stia chiudendo la sua fabbrica a Kansas City per trasferire parte del lavoro in un nuovo stabilimento in Thailandia.

Harley ha detto che chiuderà la fabbrica di Kansas City nonostante le suppliche di alcuni membri del Congresso di tenerla aperta e mantenere circa 800 posti di lavoro. Harley dice che sta trasferendo il lavoro di Kansas City nello stabilimento dell'azienda a York, Pennsylvania, creando circa 400 posti di lavoro aggiuntivi a York.

Ma in un incontro mercoledì con il leader della minoranza alla Camera Nancy Pelosi, D-California, i membri dell'Associazione dei macchinisti e dei lavoratori aerospaziali hanno affermato che almeno parte del lavoro era diretto in Thailandia.

"Parte del mio lavoro viene trasferita a York, ma l'altra parte a Bangkok", ha affermato Richard Pence, un macchinista presso lo stabilimento di Kansas City.

Harley-Davidson ha negato che ci sia un collegamento tra Kansas City e la Thailandia.

“L'impianto in costruzione in Thailandia è una questione separata e non correlata. Parte della nostra strategia a lungo termine consiste nell'aumentare la nostra attività internazionale fino al 50% del nostro volume annuale entro il 2027. La struttura in Thailandia ci consentirà di essere competitivi e fornire ai motociclisti un maggiore accesso al nostro marchio e ai nostri prodotti in un mercato globale in espansione ". ha detto la società in una nota.

Harley-Davidson ha anche uno stabilimento di assemblaggio di motociclette in India, dove costruisce le famose bici da strada dell'azienda per i mercati esteri.

“L'aumento della capacità produttiva in Asia è coerente con la strategia a lungo termine dell'azienda di concentrarsi sulla crescita a livello internazionale. Non ha lo scopo di ridurre la produzione statunitense", ha affermato la società.

Ma quel caso è difficile da accettare a Kansas City, dove l'azienda ha assemblato alcune delle sue motociclette più popolari dal 1997.

"Sono stato direttamente influenzato da una decisione aziendale in cui non avevo voce in capitolo", ha affermato Pence, che lavora nello stabilimento da 21 anni e ha il punteggio di anzianità più alto nella struttura.

Pence, che si occupa di manutenzione delle macchine, ha detto che gli ingegneri dello stabilimento andranno in Thailandia per aiutare a organizzare quell'operazione, con prove di produzione previste per quest'estate.

Crede che anche alcune delle attrezzature dello stabilimento di Kansas City verranno spedite in Thailandia.

"Stanno esaminando tutto ora, preparandosi a imballarlo", ha detto.

Circa il 35% delle bici assemblate a Kansas City sono destinate alla vendita al di fuori degli Stati Uniti, secondo Pence, anche se Harley non lo confermerebbe.

L'Asia è stato uno dei mercati in più rapida crescita dell'azienda, ma nel corso degli anni è stato anche un mercato con tariffe elevate sulle motociclette prodotte negli Stati Uniti.

“Abbiamo combattuto le tariffe per i 21 anni in cui ho lavorato con l'azienda. Ma le tariffe sono solo un dato di fatto", ha detto Pence.

Il sindacato è critico nei confronti di Harley per aver investito in Thailandia, ricevendo anche tagli fiscali nell'ambito del nuovo piano di imposta sulle società del presidente Donald Trump.

"Queste società stanno usufruendo di agevolazioni fiscali con una mano e distribuendo tagliandi rosa con l'altra", ha affermato il presidente dell'Associazione internazionale di macchinisti e lavoratori aerospaziali Bob Martinez Jr. "La chiamerò come la vedo io... questa è una società agguato ai lavoratori”.

"Dovrebbero reinvestire in America", ha detto Pence, il dipendente di Kansas City.

Harley-Davidson ha affermato che lo stabilimento thailandese assemblerà biciclette da componenti prodotti negli stabilimenti statunitensi dell'azienda.

Le vendite di Harley negli Stati Uniti sono diminuite negli ultimi anni quando i baby boomer iniziano a invecchiare senza guidare e meno giovani si fanno avanti per prendere il loro posto

FONTEUSA Today
Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/