La violenza armata in Thailandia sale alle stelle, più morti pro capite rispetto agli Stati Uniti

Tailandia-

La Thailandia è ampiamente conosciuta come la terra dei sorrisi. Ma all'interno del tessuto della sua società c'è un modello sottostante di uso delle armi da fuoco.

Gli studi dimostrano che la Thailandia ha un tasso pro capite di omicidi legati alle armi più elevato rispetto agli Stati Uniti, un paese in cui le sparatorie mortali dominano i titoli delle notizie e l'agenda politica. La Thailandia è seconda solo alle Filippine all'interno della regione.

Ci sono milioni di armi potenti in tutto il paese e molte di esse sono illegali e non registrate.

Nel 2016, ci sono stati più di 3,000 omicidi commessi da un'arma da fuoco nel paese, un tasso di 4.45 morti ogni 100,000 persone, secondo una ricerca dell'Università di Washington.

Il tasso della Thailandia è quasi otto volte quello della vicina Malesia e quando vengono rimosse le morti per conflitti armati, è persino superiore a quello di uno dei paesi più pericolosi del mondo, l'Iraq.

La maggior parte degli omicidi in Thailandia sono imputabili a elementi criminali, attività di gang o conflitti legati alla perdita della faccia o alle lamentele personali. Non c'è l'ondata di sparatorie di massa che si verificano così spesso negli Stati Uniti.

“A volte entriamo in conflitto e le armi sembrano essere la risposta. Le pistole rendono le persone uguali”, ha affermato il colonnello Pol Naras Savestanan, direttore generale del Dipartimento penitenziario del paese.

Eppure, nonostante gli alti tassi di violenza, le autorità thailandesi non hanno ancora un quadro chiaro di quante armi ci siano per strada.

UN'IMMAGINE SCURO

L'uomo incaricato di compilare i dati nazionali ammette che sono incompleti e disordinati. Tutti i documenti in tutto il paese dall'introduzione delle leggi sulla proprietà delle armi nel 1947 sono stati registrati solo manualmente a mano.

«Non solo, tutti gli atti sono sparsi tra le circoscrizioni e gli uffici provinciali. Ci sono errori. Avevamo da cinque a sei milioni di licenze e ora stiamo cercando di inserirle in un computer”, ha affermato Chamnanwit Terat, vicedirettore generale del Dipartimento dell'amministrazione provinciale.

"Abbiamo scoperto che ci sono duplicazioni o una licenza che appartiene a più armi e quindi dobbiamo passare attraverso quegli errori un caso alla volta".

Il dipartimento sta tentando di creare un database centrale online per i registri nazionali delle armi nel tentativo di rendere il paese più responsabile delle sue armi.

Chamnanwit ritiene che l'autodifesa sia un motivo giustificabile per i cittadini "maturi" di possedere armi da fuoco, soprattutto quando, ammette, "non possono sempre fare affidamento sulla protezione dello stato". Tuttavia, vuole che le leggi sulle licenze siano inasprite per consentire la revisione dell'idoneità di una persona a possedere una pistola.

“Personalmente, penso che chi possiede o usa armi da fuoco dovrebbe rinnovare la patente di tanto in tanto. Ma a partire da ora, una volta ottenuto il permesso per prendere la tua pistola, puoi tenerla per tutta la vita. Potresti comportarti bene quest'anno, ma per quanto riguarda l'anno prossimo? E se venissi mandato in prigione?"

Questo è un estratto dall'articolo completo di Channel News Asia. Collegamento sottostante.

FONTECanale Notizie Asia
Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/