20 lavoratori migranti del Myanmar uccisi nell'orribile incendio di un autobus

Provincia di Tak-

 

Venti lavoratori migranti dal Myanmar sono stati uccisi venerdì quando il loro autobus ha preso fuoco nel nord-ovest della Thailandia, ha detto la polizia.

I lavoratori stavano viaggiando verso un distretto industriale vicino a Bangkok quando il loro autobus noleggiato è stato avvolto dalle fiamme intorno all'1.30:XNUMX nella provincia di Tak, ha riferito il Bangkok Post.

L'autobus a due piani trasportava 47 lavoratori del Myanmar, di cui 27 sono riusciti a sfuggire all'inferno, ha detto il colonnello Krissana Pattanacharoen, portavoce della polizia.

La causa dell'incendio non era ancora nota, ha detto. Secondo le prime informazioni, il motore dell'autobus ha subito un guasto e ha preso fuoco che si è diffuso rapidamente attraverso il veicolo.

La polizia ha detto che l'incendio è stato così intenso che l'identificazione dei morti avrebbe richiesto esperti. Un ufficiale sulla scena ha detto al quotidiano che non riusciva a distinguere tra cadaveri maschili e femminili.

Le autorità stavano progettando di interrogare l'autista, sopravvissuto all'incendio.

Un sopravvissuto, Pa Pa Hlaing, ha descritto l'incidente per telefono all'Associated Press. Ha detto che alcuni passeggeri avevano sentito l'odore di qualcosa di bruciato, ma sono tornati a dormire perché pensavano che fosse fumo dall'esterno.

"Quando dormivamo, alcune persone dal retro dell'autobus hanno iniziato a gridare e urlare 'fuoco, fuoco' e quando ci siamo svegliati, il fumo stava già riempiendo l'autobus", ha detto il 19enne del Myanmar. “Non potevamo vedere niente o respirare. Abbiamo solo cercato di scendere dall'autobus il prima possibile. Stavamo correndo verso la porta dell'autobus. Non ricordo nemmeno come sono sceso da quell'autobus. C'erano lividi su tutte le gambe mentre correvo a caso. Poi, tre minuti dopo che siamo scesi dall'autobus, le fiamme hanno inghiottito l'autobus".

“Tutti i nostri vestiti erano spariti sull'autobus. Anche i passaporti di alcune persone erano spariti", ha detto Pa Pa Hlaing, che venerdì pomeriggio si trovava in una stazione di polizia a Tak. Ha detto che coloro che avevano perso i passaporti sarebbero stati riportati in una città di confine con il Myanmar per ottenere nuovi documenti, mentre quelli che li avevano ancora sarebbero andati a Bangkok come previsto.

A Pa Pa Hlaing, che ha detto che i passeggeri erano stati diretti a lavorare in una fabbrica di proprietà di Tomy (Thailandia), un produttore giapponese di giocattoli di plastica, è stato detto “che non avremmo avuto bisogno di lavorare per un po' e che avremmo potuto restare. Ci pagheranno per i nostri vestiti e le cose di cui abbiamo bisogno lì”.

La maggior parte dei sopravvissuti ha riportato ferite lievi, ma due sono stati ricoverati in ospedale, ha detto Moe Aung Khine, che lavora nell'ufficio dell'addetto al lavoro dell'ambasciata del Myanmar a Bangkok. Ha detto che il suo ufficio stava cercando di informare le famiglie delle vittime e di organizzare il funerale, oltre a negoziare un risarcimento per le vittime.

"Stiamo cercando di identificare i corpi e anche di contattare il Consolato del Myanmar per identificare i corpi", ha detto il colonnello Krissana. "Sono buddisti, quindi dobbiamo rimandarli nella loro città natale per le cerimonie religiose".

I lavoratori che sono stati uccisi venerdì avevano superato il lungo nuovo processo di registrazione per lavorare nel paese e avevano permessi di lavoro legali e permessi per essere nel paese, affermano i rapporti.

Questo è il secondo grave incidente/problema con autobus a due piani nell'ultima settimana con morti multiple, sia per quella che sembra essere la mancanza di controlli di sicurezza regolari, sia per la manutenzione del veicolo.

Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America, ma ha vissuto anche a Dallas, Sarasota e Portsmouth. Il suo background è nelle vendite al dettaglio, nelle risorse umane e nella gestione delle operazioni e da molti anni scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da oltre otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Per le storie inviare un'e-mail a Pattayanewseditor@gmail.com Chi siamo: https://thepattayanews.com/about-us/ Contattaci: https://thepattayanews.com/contact-us/